Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/di-maio-crisi-parliamo-vediamoci-c2613814-6533-45cd-bc78-e7f9779bb049.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Ad Agorà

Di Maio getta acqua sul fuoco: nessuna crisi. Salvini; ci vedremo, problema sono No di molti 5Stelle

Condividi
"C'è bisogno di chiarimenti, vediamoci in giornata e parliamone". Così il vicepremier Luigi Di Maio ad 'Agora' su Rai3 a proposito del rapporto con Matteo Salvini. Se il leader leghista oggi non dovesse esserci? "Non ragiono con i se, non lancio ultimatum", rimarca.
 
E poi prosegue: "Io escludo che ci possa essere una crisi, queste sono dinamiche di un governo con due forze politiche diverse. A me hanno insegnato 'male non fare, paura non avere' abbiamo da realizzare riforme importanti".
 
"E' auspicabile che oggi ci parliamo e ci vediamo: è giusto che ci incontriamo, ci chiariamo e andiamo avanti, oggi, perche' c'e' il Consiglio dei ministri ed il tavolo autonomia"."Portiamo soluzioni ai cittadini e non problemi", aggiunge. "Ogni volta cerco sempre di trovare un'intesa e una mediazione per gli italiani", dice ancora.

Salvini, vedrò Di Maio, problema sono i No di molti M5
"Di Maio? Ci vedremo sicuramente, ma a colpi di NO l'Italia non può andare avanti. Il problema non è Di Maio, ma la politica dei NO e dei blocchi da parte di molti dei 5 Stelle". Lo afferma in una nota Matteo Salvini. 

Durigon, contratto M5s-Lega non basta più
"Abbiamo messo i punti sulle 'i', se vogliamo continuare a lavorare c'è bisogno di Sì che sono importanti per poter passare all'attuazione. Vediamo cosa succede nei prossimi giorni, siamo due forze politiche diverse,ci siamo unite con un contratto ma non basta più un contratto:serve anche una visione di intenti più forte". Così il sottosegretariato leghista al Lavoro, Claudio Durigon, a margine di un'iniziativa presso la Cgil, parlando dei rapporti tra le due forze di governo .

Quindi ai cronisti che gli chiedono quale sia lo stato di salute del Governo in questo minimo, Durigon risponde: "cagionevole, scherzi a parte - prosegue - ci sarà un momento per confrontarsi. Salvini  ha già detto tutto ieri, ci sono alcune cose che non vanno vediamo di capire nei prossimi giorni".
Condividi