Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/draghi-crimi-m5s-crisi-governo-61acf5f9-f63f-4891-bec6-bb8e33f8b092.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Esecutivo istituzionale, il movimento è diviso

No del M5s ad un governo guidato da Mario Draghi

Il post di Vito Crimi contro il sì, ma Di Maio non si è ancora espresso. Oggi assemblea dei pentastellati. Si prospetta una spaccatura

Condividi
​Il Movimento 5 stelle non voterà la fiducia ad un esecutivo guidato da mario Draghi. Lo annuncia Vito Crimi con un post su Facebook: "Il Movimento 5 Stelle, già durante le consultazioni, aveva rappresentato che l'unico governo possibile sarebbe stato un governo politico. Pertanto non voterà per la nascita di un governo tecnico presieduto da Mario Draghi".



Ringrazio il Presidente Mattarella per aver cercato di consentire la nascita di un governo politico, concedendo gli...

Pubblicato da Vito Crimi su Martedì 2 febbraio 2021


Nelle ore successive all'annuncio del Capo dello Stato che aveva convocato per oggi Mario Draghi, implicitamente per chiedergli di formare un governo dalla più ampia base parlamentare possibile, il travaglio dei pentasellati era divampato. In parte era scontato il no del gruppo di parlamentari grillini che si riconosce nella linea Di Battista, da sempre contrario a Draghi, come il senatore Elio Lannutti uno dei primi ad esprimersi: "Prima fu Monti. Oggi Draghi. Non governerà col mio voto. Mi spiace". E a ricordare come il Movimento 5 stelle è "contro i poteri forti". Contro "l'establishment", per dirla con Toninelli. Contro "l'apostolo delle elite", per dirla con lo stesso Di Battista. 

 "Se qualcuno cerca scuse per manovre lacrime e sangue non troverà il nostro appoggio", sottolinea il ministro uscente Fabiana Dadone. "Abbiamo detto che il M5s avrebbe sostenuto solo un esecutivo guidato da Giuseppe Conte. Su questo, con coerenza, andremo fino in fondo", aggiunge l'ormai ex sottosegretario a palazzo Chigi Riccardo Fraccaro accompagnato dai "no" a Draghi che giungono da Roberta Lombardi, Michele Gubitosa o Luigi Gallo. L'obiettivo sembra quello di difendere Giuseppe Conte, puntare alle elezioni con il giurista pugliese a capo di una lista agganciata a M5s.

Finora, a parlare, sono solo gli anti-Draghi. Se il M5s votasse compattamente contro il governo Draghi, a Palazzo Madama l'ex governatore della Bce non avrebbe la maggioranza, ma Di Maio non si è pronunciato,e c'è anche un'ala pentastellata orientata a rispondere favorevolmente al Capo dello Stato. Il dubbio però sta proprio nella compattezza del movimento. Nelle prossime ore inizierà la conta, sarà l'assemblea congiunta oggi a decidere la linea ufficiale dove, con ogni probabilità, andrà in scena la guerra fratricida tra i 5 stelle. 
Condividi