Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/droni-bomba-contro-maduro-presidente-incolume-feriti-gruppo-soldati-in-tshirt-rivendica-b0cb6266-a6dc-479c-b174-63dfaacf0902.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'attentato a Caracas

​Droni bomba contro Maduro: presidente incolume, 7 feriti, gruppo 'Soldati in T-shirt' rivendica

Fallito attentato, a Caracas, contro il presidente venezuelano Nicolas Maduro. Il capo dello Stato stava parlando in occasione dell'81mo anniversario della creazione della Guardia nazionale quando alcuni droni carichi di esplosivo sono esplosi ferendo 7 persone. Maduro ha attribuito l'attacco all'estrema destra in collaborazione con 'cospiratori' a Bogotà e Miami. E ha fatto il nome del presidente della Colombia Juan Manuel Santos. La Colombia ha definito l'accusa infondata. Un gruppo semisconosciuto ('Soldati in T-shirt') ha rivendicato l'attacco

Attentato a Nicolas Maduro (Xinhua via AP)
Condividi
"Questo è stato un tentativo di uccidermi. Oggi hanno cercato di assassinarmi": poche ore dopo il fallito attentato al presidente del Venezuela Nicolas Maduro, lo stesso capo dello Stato ha annunciato così - in un discorso alla nazione - di essere scampato a un attentato alla sua vita durante la parata militare a Caracas in occasione dell'81mo anniversario della creazione della Guardia nazionale.   

Un attentato con droni esplosivi che ha provocato sette feriti e che Maduro ha subito attribuito all'estrema destra venezuelana in collaborazione con "cospiratori" a Miami e Bogotà, tra cui anche il presidente della Colombia Juan Manuel Santos. La reazione del governo colombiano non si è fatta attendere: un funzionario dell'ufficio del presidente ha definito infondate le accuse di Maduro.   

Da parte sua, il capo dello Stato venezuelano ha inoltre sostenuto che alcuni dei finanziatori dell'attacco si trovano a Miami, augurandosi che il presidente americano Donald Trump sia "disposto a combattere i gruppi terroristici". Alcuni dei responsabili dell'attacco, ha poi detto, sono stati catturati.   

Le immagini, in diretta tv, mostrano Maduro mentre parla al Paese: improvvisamente si sente un rumore in lontananza, simile ad una esplosione, mentre qualcuno guarda verso l'alto. Alla destra del palco si intravede un soldato cadere a terra, l'uom ocerca di aggrapparsi al ministro della Difesa. Le telecamere si spostano poi sulla parata militare e qualche attimo dopo sivedono i soldati che rompono le righe e corrono al riparo.   

Qualche minuto più tardi il ministro delle Comunicazioni,Jorge Rodriguez, ha fatto il punto della situazione in diretta tv, confermando che si è trattato di un "attentato" e che il capo dello Stato è rimasto "incolume".   

"Nel momento in cui una sfilata militare stava concludendosi sull'Avenida Bolivar di Caracas, esattamente alle 17.41, si sono udite alcune esplosioni che si è potuto verificare riguardavano artefatti volanti di tipo drone che contenevano cariche esplosive e che sono esplosi vicino al palco presidenziale ed in alcune zone residenziali", ha detto Rodriguez: i droni "hanno causato il ferimento di sette persone".   

Sulle reti sociali circolano anche foto che mostrano un incendio scoppiato in un palazzo, conseguenza - secondo alcuni -di una delle esplosioni, anche se questa ipotesi è stata smentita dai vigili del fuoco. Dopo l'attacco unità militari hanno preso posizione vicino ai punti nevralgici della zona della Avenida Bolivar.   

Secondo un esperto che segue da vicino il Venezuela, David Smilde del Washington Office on Latin America, Maduro utilizzerà il fallito attentato per epurare funzionari governativi e membri delle Forze Armate infedeli, oltre a imporre ulteriori restrizioni alle libertà civili per concentrare ulteriormente il potere nelle sue mani.
Condividi