Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/elezioni-referendum-affluenza-40-per-cento-2fe81bd9-ad36-44db-bd02-f5a45b6a6a3a.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Urne aperte fino a lunedì alle 15

Elezioni e referendum, al voto con le misure anti Covid: alle 23 affluenza intorno al 40 per cento

Per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari aveva votato alle 23, ora di chiusura dei seggi, poco meno del 40% degli aventi diritto (39,38%). Per le regionali l'affluenza è stata del 41,37%

Condividi
 C'è stato da sudare - in alcuni casi tutta la notte - negli uffici comunali per tappare i buchi causati dalla "fuga" in massa di presidenti di seggio e scrutatori designati, ma alle 7 di mattina le sezioni con le urne sono state tutte regolarmente aperte, come certificato dal Viminale.
 
Per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari aveva votato alle 23, ora di chiusura dei seggi, poco meno del 40% degli aventi diritto (39,38%). Per le regionali l'affluenza è stata del 41,37%. Sempre alle 23 l'affluenza per le Comunali è stata del 49,60%. I seggi riaprono alle 7 e si può votare fino alle 15.
 
Le prescrizioni anti-Covid - gel, mascherine, percorsi separati, matite sanificate - non hanno creato particolari disagi, al di là di alcuni episodi di positività al Coronavirus che hanno costretto a sospendere temporaneamente le operazioni elettorali.
 
Per il Referendum sono chiamati alle urne 46.415.806elettori, in un totale di 61.622 sezioni. Per le Suppletive del Senato gli aventi diritto al voto sono 427.824 per la Sardegna e 326.475 per il Veneto. Le elezioni regionali (in Valle d'Aosta, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania, Puglia) interessano 18.471.692 elettori e un totale di 22.061 sezioni. LeA mministrative si svolgono, invece, in 957 comuni per un totale di 5.703.817 elettori.
 
 
Alla chiusura dei seggi seguiranno gli scrutini delle suppletive, del Referendum e delle Regionali. Gli scrutini delle Amministrative cominceranno alle 9 di martedì. Gli appelli - anche via social - lanciati dai Comuni alla fine hanno funzionato. I sostituti sono stati trovati e le sezioni si sono potute costituire.
 
 

Come si vota
Il quesito stampato sulla scheda referendaria è: "Approvate il testo della legge costituzionale concernente 'Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari', approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.240 del 12 ottobre 2019?". L'elettore dovrà barrare la casella del Sì se vuole confermare la riforma costituzionale che riduce i parlamentari dagli attuali 945 a 600 complessivi (400 deputati e 200 senatori), mentre dovrà mettere un segno sul No se non vuole che la riforma entri in vigore. Per la validità del referendum costituzionale non è richiesto alcun quorum: l'esito referendario è comunque valido indipendentemente dalla percentuale di partecipazione degli elettori.

Scrutini scaglionati
Gli scrutini saranno 'scaglionati': le prime schede che saranno scrutinate sono quelle delle elezioni suppletive, il cui spoglio inizierà lunedì subito dopo la chiusura dei seggi. Si prosegue con lo scrutinio del referendum costituzionale e successivamente, senza interruzione, si terrà lo scrutinio delle Regionali. Lo scrutinio delle comunali, invece, viene rinviato dalle ore 9.00 del martedì. 

Le misure anti Covid
Obbligo di mascherina per tutti gli elettori che si recano alle urne; gel disinfettante all'ingresso e all'interno del seggio; percorsi differenziati; no alla misurazione della temperatura, ma l'elettore che è positivo, in quarantena o in isolamento domiciliare deve avvisare il comune per esprimere il diritto di voto a casa, in totale sicurezza. Quelle del 20 e 21 settembre saranno le prime elezioni, referendum e amministrative in alcuni casi, nell'era del Covid. Sono numerose le misure che dovranno essere attuate per coniugare il diritto al voto e il diritto alla salute. 

Mascherine obbligatorie
Gli elettori che si recano alle urne, il presidente di seggio e tutti i componenti del seggio sono obbligati ad indossare la mascherina durante l'esercizio di voto. In particolare i componenti del seggio sono invitati a sostituire le mascherine ogni 4-5 ore se chirurgiche, ogni 8-10 ore se Ffp2. Le prefetture consegnerà i dispositivi di protezione individuale forniti gratuitamente dal Commissario Straordinario per l'Emergenza Covid-19, Domenico Arcuri e destinati agli oltre 60mila seggi. Saranno distribuiti 15,1 milioni di mascherine chirurgiche

Distanziamento, gel e pulizia ambienti
I seggi devono prevedere percorsi di ingresso e di uscita differenziati, segnaletica ad indicare il percorso e per garantire il distanziamento di almeno un metro. Le cabine vanno distanziate. Consegnati anche 315.000 litri di gel igienizzante, utilizzati per tutelare i cittadini che si recano al voto, i componenti del seggio elettorale e gli operatori coinvolti. I gel devono essere posizionati all'interno degli istituti scolastici adibiti al voto e dentro ciascun seggio. L'elettore è invitato a igienizzarsi le mani prima e dopo il voto. Occorre una buona aerazione dell'ambiente e una igienizzazione delle superfici e delle cabine durante le due giornate di voto e tra una giornata e l'altra. Le matite copiative stesse vanno igienizzate tra un elettore e l'altro. È consigliato l'utilizzo dei guanti per presidente di seggio e per scrutatori. Prevista la consegna di 3,4 milioni di guanti ai seggi.

Sono 1.820 gli elettori in quarantena che hanno chiesto voto da casa
Sono complessivamente 1.820 gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare o in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19 che hanno chiesto di avvalersi del voto domiciliare. Lo fa sapere il Viminale.
Condividi