Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/elezioni-russia-partito-putin-oltre-49-opposizione-denuncia-brogli-5cf76845-d043-4b8b-8e85-5a390a48e1fe.html | rainews/live/ | true
MONDO

Cremlino, no decisione su eventuale rimpasto dopo voto

Elezioni in Russia, il partito di Putin al 49,79 %. L'opposizione denuncia brogli

Cinque partiti eletti in Parlamento: Russia Unita (49,79%), Partito Comunista della Federazione Russa (19,04%), Partito Liberal Democratico (7,48%), Una Russia giusta per la verità (7,41%) e Gente Nuova (5,36%)

Condividi
La novità è che entra nel Parlamento russo un nuovo e giovane partito che si chiama appunto Gente nuova. O almeno così sarà, se i risultati provvisori verranno confermati venerdì quando la Commissione Elettorale Centrale (Cec) emanerà i dati definitivi. La certezza è invece che il partito di Putin Russia Unita avrà ancora una volta la maggioranza qualificata. Le elezioni legislative nella Federazione russa, in base ai dati forniti dalla presidente della Cec Ella Pamfilova, hanno riservato minime variazioni e molte polemiche. Queste ultime ruotano principalmente intorno ai ritardi dei risultati e alle denunce di brogli ai seggi. Pamfilova ha comunque dichiarato valide le elezioni alla Duma di Stato. L'affluenza è stata del 51,68%, in aumento rispetto al 2016. Cinque partiti eletti in Parlamento: Russia Unita (49,79%), Partito Comunista della Federazione Russa (19,04%), Partito Liberal Democratico (7,48%), Una Russia giusta per la verità (7,41%) e Gente Nuova (5,36%). Con questi  risultati, a Russia Unita andranno più di 300 seggi. Il Partito Comunista della Federazione Russa è notevolmente cresciuto, la quota del Partito Liberal Democratico si è quasi dimezzata e il nuovo partito Gente Nuova ha superato la barriera del cinque per cento.La Duma di Stato (camera bassa del parlamento russo) viene eletta per un mandato di cinque anni con un sistema elettorale misto: 225 deputati dalle liste di partito, altri 225 da collegi uninominali.

Putin, 'ottima Russia Unita, ha confermato la leadership'
Il presidente russo Vladimir Putinstima "positivamente" il risultato elettorale del partito RussiaUnita. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. "Il partito ha affrontato il compito di confermare la sua leadership, il compito è stato ovviamente realizzato", ha dettoPeskov. Lo riporta la Tass. 

Cremlino, no decisione su eventuale rimpasto dopo voto  
Non è stata presa ancora alcuna decisione sull'eventuale rimpasto di governo dopo le elezioni della Duma in Russia. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. "Se il presidente prende una decisione su certe nomine, naturalmente sarà necessario un coordinamento con la Duma, coerentemente con la nuova Costituzione. Per quanto riguarda il fatto che il presidente prenda o meno questa decisione, non annunciamo mai cose di questo tipo in anticipo", ha affermato Peskov.

L'opposizione denuncia brogli nella vittoria di Putin
L'opposizione russa ha accusato le autorità di massicci brogli elettorali dopo che i risultati delle elezioni rilevano che il partito di governo Russia Unita ha ottenuto la maggioranza qualificata in parlamento. Il voto di tre giorni che si è concluso domenica ha fatto seguito a un giro di vite senza precedenti sui critici del presidente Vladimir Putin ed è arrivato nonostante che i sondaggi pre-elettorali mostrassero al minimo storico la popolarità di Russia Unita.   

Il partito del presidente ha rivendicato il raggiungimento della maggioranza di due terzi nella Duma, con Andrei Turchak che ha detto che quella di Russia Unita è stata una "vittoria convincente e pulita". Turchak che il partito ha ottenuto 120 seggi dalla lista di partito e 195 seggi a mandato singolo - un totale di 315 seggi su 450, in calo dai 344 precedenti.    Gli alleati di Alexei Navalny, il principale esponente dell'opposizione russa in carcere da febbraio, hanno definito i risultati stravaganti. "Questo è veramente incredibile. Ricordo la sensazione nel 2011, quando hanno rubato le elezioni. Lo stesso sta succedendo ora", ha detto la portavoce di Navalny, Kira Yarmysh.   Secondo i sostenitori di Navalny, il voto è stato falsificato su vasta scala, indicando in particolare i ripetuti ritardi nel rilascio dei risultati del voto elettronico nella Mosca favorevole all'opposizione. 

L'UE denuncia un clima di intimidazione
"L'Ue crede nell'importanza di elezioni libere ed eque, quello che abbiamo visto in Russia negli ultimi giorni è che questa elezione ha avuto luogo in un clima di intimidazione nei confronti delle voci critiche e indipendenti e senza che ci fosse una missione di osservazione elettorale credibile". Lo ha detto Peter Stano, portavoce dell'alto rappresentante Ue Josep Borrell. "Come abbiamo già detto a ridosso del voto, in Russia c'è stato un aumento della repressione nei confronti dei media indipendenti, i politici dell'opposizione, le organizzazioni della società civile, i giornalisti, attivisti e tutto questo con l'obiettivo di mettere a tacere l'opposizione e rimuovere la concorrenza. Ciò ha portato ad una limitazione sulle scelte che i russi potevano fare e avere e anche ad una limitazione delle informazioni accurate - ha aggiunto Stano -. Chiediamo alla Federazione russa di rispettare i suoi impegni in termini di valori democratici e di tutela dei diritti umani".

"L'Unione europea si rammarica della decisione della Russia di limitare severamente le dimensioni e la struttura di una missione internazionale di osservazione elettorale dell'Osce che ha di fatto impedito lo svolgimento della sua missione per le elezioni regionali e locali. Lo ha dichiarato Josep Borrell, Alto rappresentante Ue per la Politica estera. "Nel periodo che ha preceduto le elezioni - ha aggiunto Borrell - c'è stata una maggiore repressione nei confronti dei politici dell'opposizione, delle organizzazioni della società civile e dei media indipendenti, nonché dei giornalisti". "Ciò ha comportato la limitazione della scelta per gli elettori russi e la loro capacità di ottenere informazioni complete e accurate sui candidati", ha sottolineato l'Alto rappresentante. L'Ue inoltre "ribadisce la sua profonda preoccupazione per il modello continuo di riduzione dello spazio per l'opposizione, la società civile e le voci indipendenti in tutta la Russia". Infine, "l'Ue non riconosce e non riconoscerà l'annessione illegale della Crimea e della città di Sebastopoli da parte della Federazione Russa, e quindi non riconosce le cosiddette elezioni tenute nella penisola di Crimea occupata". "L'Ue rimane ferma nel suo sostegno all'integrità territoriale e alla sovranità dell'Ucraina", ha concluso Borrell.

Berlino, prendiamo seriamente accuse irregolarità voto
"L'esito delle elezioni in Russia non è ancora definitivo, ma le irregolarità denunciate dall'opposizione vanno prese sul serio". Lo ha detto il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert, rispondendo in conferenza stampa a Berlino a una domanda in proposito. "Non abbiamo indizi nostri sulle irregolarità ma ci sono accuse massicce di osservatori e dell'opposizione, che vanno considerate seriamente", ha precisato.  "Preoccupa la perdita in termini di pluralismo e di partecipazione democratica", ha anche sottolineato a proposito del contesto politico in cui avvengono le elezioni.

Usa condannano elezioni russe
Il Dipartimento di Stato americano ha condannato, con una nota stampa, il risultato delle elezioni che si sono svolte nella Federazione russa dal 17 al 19 settembre. "Le elezioni della Duma si sono svolte in condizioni non favorevoli a procedimenti liberi ed equi" si legge nel comunicato ufficiale dove si condanna il governo per avere usato "leggi sulle 'organizzazioni estremiste', sugli 'agenti stranieri' e sulle 'organizzazioni indesiderate' che hanno gravemente limitato il pluralismo politico e impedito al popolo russo di esercitare i propri diritti civili e politici".Il Dipartimento precisa poi che non riconosce "lo svolgimento di elezioni per la Duma russa sul territorio sovrano ucraino", riaffermando un "incrollabile sostegno all'integrità territoriale" del Paese. Nel comunicato  si aggiunge che sono state emarginate "figure politiche indipendenti", i media, ma anche gli osservatori dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) che dovevano certificare la trasparenza delle operazioni.
Condividi