Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/euro2020-Il-giorno-delle-finali-Berrettini-a-Wimbledon-la-Nazionale-a-Wembley-69063612-8db8-470c-b355-4d2e6b99872f.html | rainews/live/ | true
SPORT

Domenica azzurra

Il giorno delle finali. Berrettini a Wimbledon, la Nazionale a Wembley

Berrettini contro Djokovic e Italia-Inghilterra. L'entusiasmo alle stelle dell'Italia che tifa

Condividi
Il grande giorno è arrivato. Prima Wimbledon, poi Wembley. Matteo Berrettini, prima di Roberto Mancini e della Nazionale. Toccherà prima al tennista romano far sognare milioni di sportivi, sfidando il numero uno del mondo Djokovic: alle 15 l'azzurro scenderà in campo per la storia, primo italiano a giocarsi la vittoria nello storico torneo. Per Berrettini si tratta anche della prima finale slam in carriera.

"La mia prima finale Slam, a Wimbledon - ha detto alla vigilia - non l'ho mai neanche sognato perché mi sarebbe sembrato troppo". Per il tennista romano si tratta di "un'emozione fantastica, sarebbe stata fantastica anche se non fossi stato il primo italiano, per carità, ma così... La mia stagione era partita già benissimo con la finale in ATP Cup, poi mi sono fatto male e ho rivisto qualche fantasma del passato. Però sono tornato più forte, penso di meritarmi di essere qui. Voglio divertirmi e godermela come ho fatto in queste due settimane, voglio godermi la mia prima finale".     

L'incontro di domenica in qualche modo farà la storia perché o il 25enne romano, n.9 del ranking e 7 del seeding, diventerà il primo tennista italiano di sempre a trionfare sui prati dell'All England Club o il 34enne di Belgrado, dominatore del tennis mondiale, diventerà il terzo tennista a conquistare 20 trofei Major restando oltretutto in corsa per centrare il Grand Slam.

"Serve una gran bella tv, sarà una domenica speciale in Italia. Per il tennis, certo, visto che non era mai successo prima, ma pure per il calcio. Probabilmente nessuno se lo sarebbe aspettato. La Nazionale ha fatto un grande lavoro, dopo che non ci eravamo qualificati per gli ultimi Mondiali, si sono messi sotto e ce l'hanno fatta: è un grande risultato. Si meritano di essere arrivati in fondo. Ovviamente penserò prima alla mia partita, poi se ci sarà la possibilità guarderò la finale contro l'Inghilterra", ha detto Berrettini salutando gli Azzurri.

Wembley, Mancini cerca la rivincita
La Nazionale si gioca la finale dell'Europeo in uno stadio di Wembley pieno nonostante la coda della pandemia, davanti al capo dello Stato, Sergio Mattarella, e di un Paese intero che aspetta la festa.

"Nell'82, in questo stesso giorno, festeggiavamo tutti la nazionale di Bearzot campione del mondo: speriamo di ricordare un altro 11 luglio vincente", dice alla vigilia Mancini: "Se i miei ragazzi hanno ancora voglia di divertirsi, ecco gli ultimi novanta minuti..". 

A tifare Italia contro l'Inghilterra di Southgate e Boris Johnson c'è persino l'Europa di Ursula Von der Leyen. Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer, rispondendo a una domanda. "Il cuore è per gli azzurri". Ma la rivincita che il ct cerca è anche "personale": "Da giocatore non ho vinto, né con un Under 21 fortissima, né al Mondiale '90 che avremmo meritato: spero di rifarmi da ct".  Dovrà vedersela anche con i 60 mila tifosi inglesi che vogliono disperatamente il trofeo, sollevato l'ultima volta 55 anni fa, come ha ricordato anche la Regina Elisabetta dal castello di Windsor.


 

In campo, Mancini si affiderà piuttosto all'esperienza di Bonucci e Chiellini per arginare l'attacco dei Tre Leoni, al centrocampo di Jorginho, alla fiducia in Federico Chiesa e Immobile. "Il gioco è stato quel che ci ha portato fin qui, non lo snatureremo: dobbiamo pensare a giocare come sappiamo, e sarà una grande partita", dice ancora Mancini. "Il calcio si gioca palla a terra, e alle volte vincono i più piccoli".

Chiellini: "Cuore caldo e testa fredda"
"Andare in campo "con cuore caldo e testa fredda". Il tutto per vivere una finale che rimarrà per sempre, perché "partite così non ricapitano" e che è da "godere con gioia e con un pizzico di follia". Il capitano azzurro Giorgio Chiellini sorride delle vignette, come quelle con la Regina o di Mancini Braveheart, e dà la ricetta per "sopravvivere a Wembley".

"Una partita come quella di domani potrebbe non capitare più in carriera - spiega Chiellini, veterano azzurro - ed è una fortuna incredibile giocare match del genere. Bisogna sdrammatizzare, allentare la pressione che ti provoca una partita come questa. Si deve fare da pompiere verso quel turbinio di emozioni che accompagnano le due squadre che fanno la finale. Spensieratezza e un pizzico di follia sono gli ingredienti che ci hanno permesso di arrivare fin qui e che ora ci danno la chance di vincere questa Coppa".  Poi aggiunge: "Sentivo qualcosa di magico e speciale in questo gruppo, manca l'ultimo centimetro da raggiungere insieme". 

Italiani a Londra
Dall'altra parte, sugli spalti, 7.500 italiani di cui solo un migliaio in arrivo da Fiumicino, impacchettati nelle rigide regole sanitarie Uk. "Ritrovare tanto pubblico dopo mesi di silenzio - dice Mancini - e in questo stadio è meraviglioso per chiunque ami il calcio: i nostri tifosi speriamo di sentirli alla fine...". E per una domenica da ricordare, c'è l'Italia intera pronta a scendere in strada.



"L'entusiasmo ricreato dalla nazionale è motivo di orgoglio, ma va vissuto con responsabilità", è l'appello anti-assembramenti del presidente Figc, Gabriele Gravina.

Boris Johnson con la maglia della nazionale inglese su Twitter
E poi ci sono gli inglesi. Ieri il primo ministro britannico, Boris Johnson, in uno slancio di entusiasmo, ha addirittura annunciato che, in caso di trofeo, istituirà una giornata di vacanza nazionale, ma forse non si aspettava che la Scozia avesse piani completamente diversi. Il giornale indipendentista The National ha infatti pubblicato una foto a tutta pagina di un primo piano di Mancini, truccato e vestito come Braveheart, il famoso eroe della prima guerra d'indipendenza della Scozia dall'Inghilterra. Oggi il premier ha inviato alla squadra un messaggio via Twitter. "Buona fortuna per stasera, è stato un viaggio incredibile", ora "speriamo di portare a casa" la coppa. Poi allega un video accompagnato dalla musica di Sweet Caroline, hit del '69 di Neil Diamond divenuto inno ufficioso dei Tre Leoni da anni, nonché dallo slogan "Football's coming home!'" 



La stampa britannica
Sui quotidiani britannici regna l'ottimismo. "A un match dalla gloria", titola l'Independent on Sunday, che celebra nelle pagine sportive "Una nuova Inghilterra", come spiega nel sottotitolo: "E' tempo di lasciare che riposino in pace i fantasmi del '66". Se il domenicale People apre con "Orgogliosi dell'Inghilterra", il Sun on Sunday si affida in prima pagina a una citazione musicale dei Black Eyed Peas, tra augurio e speranza: "Tonight's gonna be a good night", "Stasera sarà una bella notte".

La pagina sportiva è dedicata a Harry Kane, il più atteso tra gli inglesi, "Leone in attesa" viene definito nell'apertura, in relazione alla lunga attesa patita dai Tre Leoni in campo internazionale: "E' arrivato il momento di essere spietati dopo 55 anni di dolore".  Il riferimento è all'ultimo titolo vinto dall'Inghilterra, la Coppa del Mondo del '66, che ritorna nei titoli odierni. "55 anni di dolori per i Tre Leoni possono terminare in maniera gloriosa questa sera, finalmente è la missione: è possibile", titola Star Sunday, che pubblica il fotomontaggio di Gareth Southgate in versione Tom Cruise. "Per la Regina e per la nazione", l'auspicio del Sunday Express che consiglia all'Inghilterra - con un gioco di parole col nome di Kane -"Just keep calm and Harry on", perché aggiunge il quotidiano "Il capitano Kane è pronto a terminare 55 anni di dolori per l'Inghilterra".

Kane protagonista anche sul Sunday Times, ritratto a tutta pagina, colorato della bandiera di San Giorgio. "We Kane be Heroes" è l'altra citazione musicale questa volta di David Bowie a cui si affida il Sunday Mirror, mentre il Mail on Sunday ricorda come i Tre Leoni questa sera potranno contare anche sul tifo della Famiglia Reale: "La Regina e William: forza Inghilterra!". 



Principe William: "Portiamo a casa la vittoria"
La regina, che ha presentato il trofeo Euro 1996 ai giocatori tedeschi vincitori a Wembley, non dovrebbe assistere alla finale. A rappresentare la famiglia reale sarà il nipote William, per il suo ruolo di presidente della Football Association inglese. Il principe ha inviato un video messaggio al Ct Southgate: "Auguro a Gareth e a tutti i giocatori buona fortuna per stasera". "Vi auguro tutta la fortuna possibile, l'intero Paese è con voi. Portiamola a casa".

Southgate: "Non fischiate l'inno italiano"
Il Ct inglese Gareth Southgate ha chiesto ai tifosi di non fischiare l'inno italiano a Wembley. Nel prestigioso stadio londinese ci saranno circa 60.000 tifosi di casa. Gli inni nazionali di Germania, Danimarca e Scozia sono stati tutti fischiati, ma stavolta Southgate ha chiesto rispetto: "E' importante che i nostri tifosi rispettino sempre gli avversari", ha detto. "Possiamo intimidire la squadra avversaria fischiando durante il gioco, ma è diverso per l'inno". 

Uefa: "Buona fortuna alle finaliste"
"Dai record di Cristiano Ronaldo nella fase a gironi ai colpi di scena della fase a eliminazione diretta, Euro 2020 ha divertito e incantato tutti gli appassionati dall'inizio alla fine. Ora è arrivato il momento della verità per le due squadre che disputeranno questa attesissima sfida a Londra, nell'iconico stadio di Wembley. Mi unisco ai tifosi di tutto il mondo sperando di assistere a una partita che rimarrà negli annali". Così il presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin, in una dichiarazione sul sito ufficiale a poche ore dalla finale Italia-Ighilterra.   

"Euro 2020 ci ha incantato per quattro settimane, mentre i migliori giocatori europei si sfidavano su un palcoscenico internazionale privilegiato - prosegue Ceferin -. Abbiamo già tantissimi momenti da ricordare e i tifosi sono rimasti ammaliati per tutto il torneo. Abbiamo festeggiato opportunamente i 60 anni della competizione calcistica per nazionali più prestigiosa d'Europa. L'Europeo ha dimostrato l'importanza del calcio, che sa unire e rendere orgoglioso un intero Paese. Ora siamo pronti per concludere un mese affascinante, in cui tutti hanno visto il meglio che il calcio europeo per nazionali ha da offrire. Buona fortuna alle due finaliste", conclude.

Il doodle di Google
Google dedica il 'doodle' della sua homepage alla finale di Wembley fra Italia e Inghilterra. Nel disegno stilizzato si vede un simbolico campo verde su cui troneggiano le due bandiere, che prendono il posto delle due 'o' del motore di ricerca. Tutt'intorno un paesaggio in giallo con case, castelli e campanili stilizzati che fanno pensare agli edifici iconici dei due Paesi. 

Intanto la BBC...
La sfida tra Italia-Inghilterra è già iniziata da giorni sui... social dove si sta combattendo a colpi di meme. Ecco il messaggio che "ci invia" la BBC, che sembra non aver ancora digerito il magro bottino di punti - zero - dell'Eurovision...

Condividi