Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/fondi-lega-presunto-prestanome-chiede-patteggiamento-4-anni-e-10-mesi-multa-100-mila-euro-5fc70cf7-289c-4e22-8d6c-68db1572a550.html | rainews/live/ | true
POLITICA

L'inchiesta

Fondi Lega, presunto prestanome chiede patteggiamento

 L'uomo, che ha collaborato alle indagini, potrebbe diventare teste chiave nel dibattimento

Condividi
Ha chiesto di patteggiare 4 anni e 10 mesi di carcere e una multa di 1000 euro, Luca Sostegni, il presunto prestanome finito in carcere a luglio scorso e da un paio di settimane ai domiciliari nell'ambito dell'inchiesta della procura di Milano su Lombardia film commission 8Lfc) e sulla creazione di presunti fondi neri per la Lega.

L'istanza di patteggiamento, concordata con i pm ancora in fase di indagine, è stata depositata dal difensore di Sostegni, Giuseppe Alessandro Pennisi, e prevede il versamento, a titolo di risarcimento, di circa 20mila euro. Il 62enne, che ha collaborato alle indagini, potrebbe diventare teste chiave in dibattimento. 

Luca Sostegni, il presunto prestanome del commercialista Michele Scillieri, è agli arresti domiciliari nell'ambito dell'indagine della Procura di Milano sulla compravendita di un capannone a Cormano, in provincia di Milano, da parte della Lombardia Film Commission e sui presunti fondi alla Lega.

L'intenzione della Procura di Milano era di chiedere il giudizio immediato per tutti gli imputati dell'inchiesta, ma sarebbe orientata a dare un parere positivo al patteggiamento. Sostegni, 62 anni, era stato fermato lo scorso 15 luglio per il pericolo di fuga, poiché viveva tra l'Italia e il Brasile. 
Condividi