Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/formula-1-gp-brasile-verstappen-Hamilton-Gasly-Vettel-Leclerc-mercedes-Ferrari-red-bull-4fa4ed4d-63e4-4d0f-bd56-4cb052ced339.html | rainews/live/ | true
SPORT

Incredibile suicidio della due Ferrari, si ritira la Mercedes di Bottas

F1: in Brasile vince Verstappen, seconda la Toro Rosso di Gasly, terzo Hamilton

Terza vittoria stagionale, l'ottava  in carriera, per Max Verstappen che trionfa nel Gp del Brasile,  penultimo appuntamento stagionale della Formula Uno. Il pilota olandese della Red Bull, partito dalla pole position, domina la gara sul circuito di Interlagos chiudendo davanti alla Toro Rosso  di Pierre Gasly, terzo gradino del podio per Lewis Hamilton su  Mercedes. Ai piedi del podio la McLaren di Carlos Sainz. Delusione per le Ferrari, a pochi giri dal termine Vettel e  Leclerc, in corsa per il terzo posto, si toccano e sono costrette a  uscire di scena.

Condividi
A Interlagos Max Verstappen fa suo il Gp del Brasile e su Red Bull precede la Toro Rosso di  Gasly e la Mercedes di Hamilton, già campione del mondo. Disastro in casa Ferrari entrambe fuori. La Red Bull ha conquistato la pole in qualifica con Max Verstappen mentre la Mercedes per la prima volta dal 2012 non mette una macchina in prima fila. A San Paolo in prima fila c’è infatti Vettel seguito da Hamilton e Bottas. Pronti via e Verstappen mantiene il primo posto, mentre Hamilton sorpassa il ferrarista.

All’ottavo giro contatto Ricciardo Magnussen con la Haas fuori pista e la Renault costretta alla sosta per sostituzione del musetto. Leclerc, partito 14° per cambio della power unit, si rende protagonista di una costante rimonta mentre Vettel non riesce a tenere il ritmo del gruppo di testa. Al giro 16 penalitá di 5 secondi inflitta a Daniel Ricciardo per un  contatto con Kevin Magnussen, al 21° giro  pit-stop per Hamilton, che monta gomma soft e dunque dovrà fermarsi ancora una volta per forza da regolamento.

Verstappen risponde subito e rientra i box. Al giro 23  Verstappen prende la scia di Hamilton in rettilineo e lo ha ripassa con una staccata micidiale, Il britannico tenta la risposta, ma l’olandese chiude bene. Al 26° giro pit-stop anche per Vettel, che monta gomme medie. Teoricamente potrebbe andare fino in fondo. Al 27° giro la Mercedes mischia ancora le carte. Bottas rientra e monta gomme dure. Intanto  sotto investigazione l’episodio che ha visto quasi scontrarsi Verstappen e Kubica in pit-lane. Vettel con le medie guadagna 1 secondo secco su Verstappen e Hamilton. Il tedesco è terzo. Dopo 32 giri  Verstappen comanda con 2″5 su Hamilton, 12″8 su Vettel, 21″ su Bottas, 26″3 su Albon, 39″5 su Leclerc.

Il monegasco ha perso tantissimo prima della sosta ai box, quando aveva gomme completamente usurare. Poi colpo di scena: dopo un accanito duello con Leclerc Bottas vede fumo uscire dalla sua Mercedes e al 52° giro si ritira. Al 53°  Hamilton si avvicina a Verstappen,entra la safety car per portare fuori la vettura di Bottas e Verstappen cambia gomme mentre Hamilton resta in pista ed è primo.

Al 56° giro  pit-stop per Leclerc che monta gomme soft nuove. All’uscita della safety car  Verstappen passa Hamilton alla ripartenza mentre  Albon sorprende Vettel con un’infilata pazzesca. Il ferrarista diventa quarto e cerca di inseguire lo scatenato thailandese della Red Bull.

Al giro 66 avviene l’impensabile: le due Ferrari fanno harakiri:  Leclerc  attacca e supera Vettel in staccata al termine del rettilineo, Il tedesco reagisce,  prende la scia e  prova il controsorpasso. La gomma anteriore sinistra di Leclerc tocca quella destra di Vettel, danni e ritiro per entrambi. Safety-car in pista Hamilton è rientrato ai box per sostituire le gomme, approfittando della safety-car. Verstappen è primo davanti a Albon e  alla Toro Rosso di Gasly! Quarto  il campione del mondo, ma la corrida non è finita: Attacco spericolato di Hamilton che tampona Albon, testa coda per il thailandese, ala danneggiata per la Mercedes. Gasly è secondo. Hamilton prova ancora a superare l’incredulo francese che conserva la posizione. Alla  fine vittoria indiscutibile di Verstappen su Gasly e sul campione del mondo.

Anche se per Hamilton potrebbe esserci qualche provvedimento. Al termine di una gara incredibile, termina al quarto posto Carlos Sainz Jr su McLaren davanti alle due Alfa Romeo di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi. Completano la top ten Daniel Ricciardo su Renault, Lando Norris sull'altra McLaren, Sergio Perez su Racing Point e Daniil Kvyat sull'altra Toro Rosso. Per Verstappen è l'ottava vittoria in carriera, la terza quest'anno. Prossimo e ultimo appuntamento con il Mondiale di F1 il 1 dicembre ad Abu Dhabi.
Condividi