Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/gb-antiterrorismo-ad26ca81-9009-4c4d-bab3-94ea8bb804be.html | rainews/live/ | true
MONDO

Antiterrorismo

Le scuse dei servizi britannici per il fermo di un italiano e un kuwaitiano a Stansted

L'aereo su cui viaggiavano proveniente da Vienna scortato dai caccia della Raf. A scatenare l'allarme, "un oggetto sospetto" trovato in una toilette - e ricollegato ai due passeggeri fermati - rivelatosi infine non pericoloso. 

Condividi
Falso allarme per le due persone arrestate ieri sera dalla polizia antiterrorismo britannica.

Un cittadino italiano di 48 anni ed un kuwaitiano di 34 erano stati prelevati al loro arrivo all'aeroporto londinese di Stansted, intercettati a bordo di un aereo proveniente da Vienna.

Ora arriva il rilascio da parte dei servizi antiterrorismo britannici con tanto di scuse e senza alcuna accusa per i due uomini che prima in queste ore sono stati interrogati dagli uomini dalle forze speciali britanniche Eastern Region Special Operations Unit.

I servizi avevano pensato a una minaccia "potenziale" a bordo di un volo Ryanair proveniente da Vienna. L'allarme - segnalato dall'equipaggio e seguito dall'atterraggio del velivolo sotto la scorta precauzionale di due caccia typhoon della Raf - si è dimostrato "privo di fondamento".

La notizia era rimbalzata subito su Bbc e The Guardian.

A scatenarlo, "un oggetto sospetto" trovato in una toilette - e ricollegato ai due passeggeri fermati - rivelatosi infine non pericoloso. 
 
Condividi