Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/gb-johnson-uscita-crisi-riaperture-parziali-0431f917-ace0-4421-a859-0dd83ac294ba.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Regno Unito

Johnson: "Per la prima volta si vede la via d'uscita", dal 3 dicembre riaperture parziali

Gran Bretagna divisa in tre aree di rischio. Apertura parziale per le festività natalizie solo per le aree gialle e arancioni. Ferme le aree rosse. Allo studio un grande piano per screening di massa

Condividi
Il premier britannico, Boris Johnson, in un discorso in video alla Camera dei Comuni, ha fatto sapere di vedere per la prima volta una via d'uscita dalla crisi da Covid-19. Lo riferisce il Guardian. Per la prima volta dalla comparsa del virus "miserabile", possiamo vedere una via d'uscita, ha affermanto aggiungendo che è arrivata la cavalleria scientifica.

Intanto si predispone una serie di riaperture parziali dopo il lockdown. Il piano prevede la riapertura dei negozi non essenziali, delle palestre, dei ristoranti e dei pub, ma con coprifuoco alle 22 per gli ultimi ordini, esteso alle 23 per le consumazioni già servite. Le misure saranno rese possibili nel Regno Unito, ma solo in alcune regioni, dopo la scadenza del lockdown nazionale bis in vigore fino al 2 dicembre prossimo.

Boris Johnson ha sottolineato come l'incremento dei contagi sia ora in frenata, ma ha avvertito che l'emergenza non è ancora cessata e che le restrizioni non verranno azzerate in attesa che i "processi sui vaccini" e i programmi verso "test di massa" diano gli effetti sperati. le misure torneranno a essere graduate a livello locale territorio per territorio secondo tre livelli di allerta.

In occasione del Natale si prevede un'esenzione più ampia, limitata a 5 giorni festivi in tutto il Regno Unito, secondo uno schema che prevede tra l'altro il ritorno del pubblico agli eventi sportivi fino a 4000 spettatori nelle aree sottoposte ad allerta gialla e fino a 2000 in quelle con allerta arancione, ma non in quelle aree a più alto tasso di casi e destinate a rimanere in allerta rossa.

Screening di massa
Il premier britannico, Boris Johnson, annuncerà in Parlamento un programma di screening di massa nella aree di alta diffusione del coronavirus con l'invio dell'esercito in supporto delle operazioni. La decisione arriva dopo che una iniziativa analoga messa in pratica a Liverpool, elogiata dal governo perché in grado di produrre un "calo sostanziale" dei casi di infezione.

La città nel Nord-Ovest dell'Inghilterra è ora pronta a sperimentare un nuovo sistema di test che prevede che chi sia stato in contatto con persone positive possa sottoporsi a test ogni giorno per una settimana e isolarsi solo in caso di positività accertata, invece che entrare immediatamente in quarantena.In caso di successo. Questo sistema potrebbe essere utilizzato in tutto il Servizio sanitario nazionale (Nhs) gestito dallo stato, nelle case di cura e per tutta la popolazione a partire da gennaio, ha riferito Downing Street.
Condividi