Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/germania-accordo-per-legge-piu-restrittiva-per-bloccare-contagi-da-covid-valida-a-livello-nazionale-4e3b3645-a8f6-4f8b-9aab-626f521bd1c0.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Accordo tra partiti

Germania, legge più restrittiva per bloccare contagi. Coprifuoco e chiusure a livello nazionale

Le misure scattano in automatico se si superano per tre giorni 100 contagi su 100 mila abitanti e prevalgono sulle disposizioni adottate a livello regionale 

Condividi
Berlino sta per varare una nuova stretta per bloccare i nuovi contagi in Germania, ancora troppo alti: secondo quanto anticipano i media tedeschi, il governo federale ha trovato l'intesa per mettere mano alla legge sulla protezione dalle infezioni che prevede un "freno d'emergenza" che comprende misure di coprifuoco e ulteriori limitazioni. Si tratta delle prime misure valide unitariamente in tutto il territorio nazionale. In particolare, l'intesa raggiunta nel consiglio dei ministri guidato da Angela Merkel prevede che la stretta scatti automaticamente ogni volta che un distretto oppure una città superino per tre giorni successivi l'incidenza di 100 contagi ogni 100 mila abitanti nei sette giorni. Il testo oggi discusso dal governo deve poi passare al Bundestag.  

Tra le restrizioni previste, un coprifuoco tra le 21 e le 5 del mattino, nonché il limite agli incontri privati tra due nuclei familiari più una sola persona, compresi i minori di 14 anni.  Inoltre, sempre in caso venga superata l'incidenza di 100 su 100 mila, scattano le chiusure della maggior parte dei negozi, dei ristoranti e delle attività culturali, con le eccezioni degli alimentari, farmacia, drogherie, benzinai, edicole e similari.

Per quanto riguarda lo sport, potrà essere praticato solo individualmente e quando non implichi il contatto diretto con il prossimo.Quando scattano queste misure, nelle scuole la didattica in presenza sarà possibile solo in presenza di due tamponi a settimana per gli studenti. Se invece viene superata l'incidenza di 200 nuovi contagi su 100 mila abitanti, scatta in automatico la didattica a distanza. 
Condividi