Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/germania-covid-coronavirus-gestione-emergenza-allarme-contagi-picco-ab3b7697-343b-44fe-96fc-35aaecdf5aea.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Merkel: "Situazione drammatica"

Emergenza Covid in Germania: picco di contagi, ma è polemica aperta tra stato e regioni

La Germania si sta avviando ''verso una grave emergenza" coronavirus e "un Natale davvero terribile", ha dichiarato il direttore del Robert Koch Institute, Lothar Wieler

Condividi
In Germania sono stati confermati 65.371 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, il dato più alto dall'inizio della pandemia. Lo rende noto il Robert Koch Institute (Rki), incaricato dal governo di Berlino di monitorare l'andamento della pandemia nel Paese. E' aumentato anche il tasso di incidenza a 7 giorni del paese, pari a 336,9, spiega l'Rki. Sono inoltre 264 le persone che nell'ultima giornata hanno perso la vita per complicanze riconducibili al coronavirus. 

Si tratta di un nuovo picco, dopo i 52.826 di ieri. l'indice settimanale è di 336,9 positivi su 100 mila abitanti. L'indice di ospedalizzazione è salito a 5,15 pazienti su 100 mila abitanti (ieri era 4,86). 

L'allarme del Robert Koch Institute
La Germania si sta avviando ''verso una grave emergenza" coronavirus e "un Natale davvero terribile". Lo ha dichiarato il direttore del Robert Koch Institute (Rki), Lothar Wieler, che oggi ha confermato per la prima volta oltre 60mila contagi nel Paese dallo scoppio della pandemia, 65.371 per la precisione. "Le stime sono più che fosche", ha aggiunto. "Dietro le 60 mila infezioni registrate si nascondono almeno il doppio o il triplo dei numeri", ha spiegato. "C'è una grande emergenza nel nostro paese e chi non la vede commette un grave errore".

''In questo momento ci stiamo dirigendo verso una grave emergenza", ha Wieler. "Avremo un Natale davvero terribile se non prendiamo contromisure ora", ha aggiunto. Per rispondere all'emergenza, ha detto Wieler, la Germania deve aumentare i suoi tassi di vaccinazione in modo significativo al di sopra del 75%, dal 67,7% attuale. Alcune regioni della Germania hanno tassi di vaccinazione pari al 57,6%. Gli ospedali tedeschi, ha aggiunto, stanno lottando per trovare posti letto per i pazienti Covid-19.

Polemica feroce tra stato centrale e regioni
Il Bundestag tedesco sta discutendo della situazione pandemica in Germania e della nuova legge proposta dai partiti del cosiddetto semaforo (spd, verdi e liberali), che si appresta a governare il paese. Un dibattito acceso, segnato da accuse incrociate, nel quale il ministro Jens Spahn ha sottolineato che "la situazione è difficile, dal momento che viene affrontata da un governo reggente, con una maggioranza parlamentare diversa".

Il vicecapogruppo dell'unione ha invitato i partiti del nuovo esecutivo a "virare": "Il piano di fare scadere lo stato di emergenza di portata federale sfila dalle mani dei laender la possibilità di agire, non si combatte così la pandemia. Cambiate idea", ha aggiunto a proposito del progetto di lasciar scadere senza rinnovarlo lo stato di emergenza il 25 novembre. Verdi e Spd difendono il nuovo impianto legislativo, che vuole ridare centralità al parlamento nella gestione del Covid, depotenziando la conferenza stato-regioni.

Un incontro fra bund e laender è previsto proprio nel corso della giornata di oggi. Nel pacchetto in discussione, l'introduzione del green pass sul lavoro e nei mezzi di trasporto pubblico, l'obbligatorietà dei test quotidiani nelle case di cura per anziani e l'obbligo di smart working.

È emergenza
In Germania la situazione è drammatica, a detta della stessa cancelliera Angela Merkel: aumentano i casi a dismisura e cresce anche il numero delle vittime, mentre le terapie intensive negli ospedali tedeschi rischiano di nuovo il sovraffollamento. Anche gli anestesisti hanno lanciato un drammatico appello: il sistema sanitario va in direzione della catastrofe", dicono, chiedendo al ministro alla Sanità Jens Spahn, "passi efficaci".

C'è grande attesa per il vertice in programma oggi tra la cancelliera e i governatori dei Laender per decidere i prossimi passi. Per la cancelliera è necessario uno "sforzo di portata nazionale" per procedere rapidamente alla somministrazione delle terze dosi di vaccino. 
Condividi