Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/giancarlo-giorgetti-mise-question-time-commissioni-congiunte-senato-camera-ita-nasce-solo-se-opera-in-modo-proficuo-e7602547-4262-44cb-8320-bd2fa5344fb1.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Alitalia, Giorgetti: la newco nasce solo se opera in modo proficuo

Il capo del Mise ribadisce che il Governo punta a un nuovo vettore di proprietà pubblica che possa soddisfare gli interessi del Paese con equilibrio economico-aziendale. Restano distanti le posizioni tra Italia e Ue

Condividi
 La nuova Alitalia, Ita, "nascerà se avrà la possibilità di operare in modo proficuo, se darà soddisfazione agli interessi del Paese, altrimenti, lo ribadisco, secondo me dovremo immaginare qualche altra situazione, innanzitutto di emergenza". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, in audizione sulle linee programmatiche del suo dicastero. 

"Le trattative sono in corso, anche in queste ore, proprio in questi giorni, e l'obiettivo del Governo, in coerenza con quanto il Parlamento ha indicato, è di provare a individuare un nuovo vettore di proprietà pubblica, statale, che sappia però in qualche modo giocare, da un lato, un ruolo di soddisfacimento di quelli che sono gli interessi nazionali per quanto riguarda il trasporto aereo, ma anche con un equilibrio economico-aziendale" ha sottolineato il ministro dello Sviluppo economico  in audizione presso le Commissioni congiunte di Senato e Camera.

Una situazione complessa, che lo stesso Giorgetti aveva evidenziato mercoledì incontrando i sindacati: "Con i commissari straordinari è in corso una riflessione su piani alternativi se l'attuale trattativa con il Mef andasse male", aggiungendo che "sarà necessario riconsiderare tutto se la vicenda Alitalia non avrà una conclusione positiva e bisognerà coinvolgere anche il Parlamento".

Nel pomeriggio, durante il Question time, il ministro a capo del Mise aveva parlato del negoziato con l'Ue "che ha avuto momenti accesi" e ribadiva che il governo accetterà solo "un compromesso ragionevole". Al momento, però, le posizioni sono distanti: l'Ue non vede discontinuità tra Ita e Alitalia, non c'è accordo sul marchio e sugli slot di Milano Linate poiché l'Italia vorrebbe cederne meno di quanti richiesti da Bruxelles. Infine rimane il nodo della società che gestisce il programma di fidelizzazione MilleMiglia, alla quale Ita non potrebbe partecipare.
Condividi