Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/impeachment-donald-trump-nancy-pelosi-nomina-rappresentanti-accusa-493b0736-e56b-4c2a-be37-a50f5715e5ef.html | rainews/live/ | true
MONDO

Stati Uniti

Impeachment Trump, la Speaker della Camera nomina i rappresentanti dell'accusa

"Questo impeachment durerà per sempre", ha detto Nancy Pelosi nell'annunciare i sette membri del Congresso che dovranno condurre il processo nei confronti del presidente al Senato americano

Nancy Pelosi
Condividi
Nancy Pelosi,  Speaker della Camera americana,  ha annunciato i sette membri del Congresso che rappresenteranno l'accusa nel corso del processo di impeachment nei confronti del presidente Donald Trump.


Tra i prescelti,  il presidente della Commissione intelligence della camera Adam Schiff e il presidente della Commissione giustizia della Camera Jerry Nadler, che hanno già condotto le indagini che hanno portato alla messa in stato di accusa del presidente.


Ecco i sette rappresentanti, così come appaiono sull'account Twitter di Pelosi:



 Un impeachment per sempre     
Comunque vada "questo impeachment, durerà per sempre", ha detto Nancy Pelosi nell'annunciare i nomi dei membri del congresso che dovranno condurre il processo nei confronti di Donald Trump in Senato. Intanto, i democratici alla Camera Usa hanno presentato nuovi documenti ottenuti da uno stretto collaboratore dell'avvocato personale del presidente Donald Trump Rudy Giuliani, inclusa una nota scritta a mano.

La lettera di Giuliani
Rudolph Giuliani scrisse al presidente dell'Ucraina per chiedergli un incontro privato, dicendogli che Donald Trump "ne era a conoscenza". La lettera, resa nota dai democratici della Camera, fa parte dei documenti consegnati agli investigatori dagli avvocati di Lev Parnas, uno dei due uomini d'affari -che si ritiene amici di Giuliani -  arrestati a ottobre con l'accusa di finanziamento illegale per la campagna presidenziale.

Il documento porta la data del 10 maggio 2019. "Caro presidente-eletto Zelensky - scrive Giuliani - sono un consigliere privato del presidente Donald J. Trump. Giusto per essere precisi, io lo rappresento come privato cittadino, non come presidente degli Stati Uniti". Giuliani loda Zelensky, poi passa alla richiesta: "Le chiedo un incontro il prossimo lunedì, 13 maggio, o martedì 14 maggio. Non le porterò via più di mezz'ora di tempo e sarò accompagnato dalla collega Victoria Toensing, autorevole avvocato americano a conoscenza della questione".

Non si fa riferimento al tema dell'incontro, ma la lettera venne scritta dopo che Giuliani, al New York Times, aveva preannunciato un viaggio in Ucraina per cercare prove contro il figlio di Joe Biden, Hunter, ex membro di un'azienda ucraina del gas finita sotto inchiesta per corruzione. Il 25 luglio, nella famosa telefonata al centro dell'impeachment del presidente, Trump chiese a Zelensky di far mettere sotto inchiesta Biden e il figlio per appurare se ci fosse stato un caso di corruzione. Trump ha sempre detto di "non aver diretto" Giuliani nel cercare prove contro il suo potenziale avversario alle prossime presidenziali.
Condividi