Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/incontro-roberto-gualtieri-bruno-le-maire-ministri-economia-intesa-su-digital-tax-c6811d22-1322-4567-b765-690f10d6e6be.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Ministri dell'Economia

Digital tax, Gualtieri: piena sintonia tra Italia e Francia

Il ministro Gualtieri incontra il collega Le Maire in vista del semestre italiano a guida del G20. Tra gli argomenti, l'identità di vedute sulla tassa da applicare ai colossi del web

Condividi
"Abbiamo discusso della tassazione della digital tax su cui siamo impegnati in una battaglia comune per raggiungere un accordo a livello globale che rilanceremo. Siamo convinti che la Ue debba essere protagonista per raggiungere un accordo a inizio 2021 da tradurre in legislazione ma anche per muoversi autonomamente". Così il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha commentato la questione della tassa sui colossi del web, dopo aver incontrato l'omologo francese Bruno Le Maire.

"Abbiamo discusso di molte questioni, ho avuto modo di presentare l'agenda della presidenza italiana del G20, che è molto ambiziosa, sull'impegno di lavoro su numerosi temi, su questi la necessità di rafforzare il coordinamento delle politiche economiche a livello e globale e per questo ci sarà una prima riunione dei ministri delle Finanze e governatori delle banche centrali il 26 e 27 febbraio e in quella sede sarà necessario sostener la necessità di uno stimolo coordinato e saremo lieti di collaborare con la nuova amministrazione americana", ha detto ancora Gualtieri a proposito dll'incontro con Le Maire.

Successivamente Le Maire ha a sua volta sottolineato che "l'Italia avrà sempre il sostegno della Francia nella sua
presidenza del G20, in particolare sulla digital tax che è un tema prioritario, come noto la Francia a dicembre imporrà
una tassazione sui giganti del digitale ma sono convinto che con l'impulso dato dall'Italia sia arriverà ad un accordo in
ambito Ocse per dare sostegno a questa tassazione".

Nei giorni scorsi Gualtieri aveva  dichiarato che una digital tax in seno all'Ocse sarebbe auspicabile, ma "l'Ue dovrebbe porsi il tema di agire autonomamente. E' in corso un difficile negoziato in sede Ocse sulla digital tax, che si è bloccato per una posizione molto netta degli Stati uniti sulla digital tax".  

Nel corso dell'audizione nelle commissioni riunite Finanze e Politiche Ue del Senato sugli esiti dell'Ecofin, Gualtieri aveva precisato: "La nostra posizione, condivisa da quella di altri Paesi è che se ciò non fosse possibile è chiaro che l'Unione europea deve porsi il tema di agire comunque autonomamente e già sono state presentate proposte dalla Ue, alcune più ambiziose che l'Italia appoggia".

In precedenza anche il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, durante una audizione alle commissioni Finanze e Ue della Camera, aveva detto che la cosa migliore sarebbe una soluzione globale, ma che in assenza di questa entro il primo semestre 2021 l'esecutivo Ue procederà ad una proposta di Digital tax europea.
Condividi