Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/inflazione-istat-a-novembre-meno-0-e-2-per-cento-vola-carrello-spesa-piu-1-e-5-per-cento-6d9126da-127d-4b7a-84b3-e5f4e0167af0.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Si conferma il quadro deflazionistico dei prezzi al consumo

Istat: inflazione a novembre -0,2%, vola carrello spesa +1,5%

L'Istituto nazionale di statistica spiega che la diminuzione congiunturale dell'indice generale è dovuta prevalentemente al calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti e dei Servizi ricreativi, culturali e per  la cura della persona, solo in parte compensata dall'aumento dei Beni alimentari sia lavorati sia non lavorati

Condividi
A novembre si conferma il quadro deflazionistico dei prezzi al consumo consolidatosi nei mesi precedenti ma sale il 'carrello della spesa'. Lo afferma l'Istat le cui stime preliminari  indicano l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, in diminuzione dello 0,1% su base mensile e dello 0,2% su base annua (da  -0,3% di ottobre).

L'inflazione rimane negativa per il settimo mese consecutivo, a causa prevalentemente dei prezzi dei Beni energetici (-8,6%, da -8,7% del mese precedente), ma la flessione è  meno marcata rispetto a quella di ottobre per effetto dell'accelerazione dei prezzi dei Beni alimentari lavorati (da una variazione tendenziale nulla a +0,7%) e di quelli dei Servizi  ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +0,1% a +0,5%). "L'inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari  freschi e quella al netto dei soli beni energetici  accelerano entrambe, rispettivamente da +0,2% a +0,5% e da +0,5% a +0,6%.

L'Istat spiega che la diminuzione congiunturale dell'indice generale è dovuta prevalentemente al calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti e dei Servizi ricreativi, culturali e per  la cura della persona (-1,0% per entrambi), solo in parte compensata dall'aumento dei Beni alimentari sia lavorati (+0,9%) sia non lavorati (+0,7%). L'inflazione acquisita per il  2020 è pari a -0,2% per l'indice generale e a +0,5% per la componente di fondo.I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona accelerano (da +1,2% a +1,5%),  mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto continuano a registrare una flessione (da -0,2% a -0,1%).

Secondo le stime preliminari, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) registra una variazione nulla su base mensile e diminuisce dello 0,3% su base annua (da -0,6% di  ottobre). Il dimezzarsi della flessione tendenziale si deve per lo più alle dinamiche dei prezzi delle stesse componenti merceologiche che spiegano l'attenuarsi della diminuzione su  base annua dell'indice Nic, ma con un'amplificazione dei loro effetti dovuta al maggior peso con cui queste componenti contribuiscono per l'Ipca alla variazione dell'indice  generale.

"I beni energetici - fa notare l'istat - si confermano in flessione sia nella componente regolamentata sia in quella non regolamentata, mentre i prezzi del cosiddetto carrello della  spesa accelerano la loro crescita. E' però l'ampiezza della diminuzione dei primi che continua a prevalere, determinando così, per il settimo mese consecutivo, un'inflazione  negativa, come accaduto nel 2016 tra i mesi di febbraio e agosto".
Condividi