Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/iraq-drone-colpisce-abitazione-leader-sciita-sadr-5c3c1dd6-8a54-48ac-85e1-e0790e6c1cd8.html | rainews/live/ | true
MONDO

Najaf

Iraq, drone colpisce abitazione leader sciita Sadr

Non era a casa. "Preso di mira perché sostiene manifestanti". Scontri e vittime a Baghdad

Condividi
L'abitazione del leader sciita Moqtada Sadr è stata presa di mira da un drone a Najaf, città irachena a circa 160 chilometri a sud di Baghdad. Lo riferiscono i media locali precisando che il leader non era a casa. 

Una bomba lanciata dal drone ha colpito la casa del religioso iracheno.
 
Moqtada Sadr è a capo di un partito che guida il maggior gruppo politico parlamentare del paese.
 
Una figura vicino a Sadr, Saleh Muhammad al-Iraqi, sostiene che l'abitazione è stata presa di mira "in risposta all'ordine del leader" di proteggere i manifestanti a Baghdad dove da due mesi è in corso la protesta antigovernativa.

Continuano gli scontri, vittime
È salito a 16 morti ed almeno un centinaio di feriti l'attacco di ieri sera a Baghdad, dove uomini armati a bordo quattro auto hanno aperto il fuoco contro i manifestanti ad al-Khilani Square, nel centro di Baghdad. Lo hanno detto alla Dpa alcuni testimoni, mentre il ministero dell'Interno fornisce un bilancio di quattro vittime e 80 feriti.

Tra le vittime anche un fotoreporter, Ahmed Mehna; ai suoi funerali hanno partecipato questa mattina centinaia di manifestanti. Le autorità hanno annunciato l'apertura di un'inchiesta sull'attacco, uno dei più sanguinosi da quando a ottobre sono iniziate le manifestazioni di protesta contro il governo.

Nella piazza e nell'area circostante sono stati dispiegati questa mattina decine di soldati a protezione dei manifestanti pacifici, ha reso noto il generale, Qais al-Mahamdoui, a capo delle operazioni di Baghdad.
Condividi