Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/istat-a-giugno-import-piu-venti-per-cento-ed-export-piu-quattordici-e-nove-per-cento-b7fa1cc2-fff3-463a-bb3c-b5a5619980c9.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Commercio estero

Istat. A giugno import +20% ed export +14,9%

Il forte incremento su base mensile dell'export, segnala l'Istat, è dovuto soprattutto agli aumenti delle vendite di beni di consumo durevoli (+43,3%), beni strumentali (+24,9%) e beni intermedi (+11,1%)

Condividi
Ripartono le esportazioni extra-Ue che a giugno salgono del 20% su base mensile che tuttavia restano in calo del 28,1% nel secondo trimestre su base congiunturale. In crescita anche le importazioni, aumentate del 14,9%. Il saldo commerciale a giugno è in attivo per 4,436 miliardi (era +4,994 miliardi a giugno 2019). Diminuisce l'avanzo nell'interscambio di prodotti non energetici (da +8,299 miliardi per giugno 2019 a +6,015 miliardi per giugno 2020). Il forte incremento su base mensile dell'export, segnala l'Istat, è dovuto soprattutto agli aumenti delle vendite di beni di consumo durevoli (+43,3%), beni strumentali (+24,9%) e beni intermedi (+11,1%).

Per quanto riguarda l'import, l'incremento è determinato principalmente da energia (+41,5%), beni strumentali (+32,1%) e beni di consumo non durevoli (+16,6%). Elevato l'aumento per beni di consumo durevoli (+59,2%), che, tuttavia, spiega solo per 1,5 punti percentuali il rialzo congiunturale dell'import. 

Nel secondo trimestre 2020, nonostante la crescita a maggio e a giugno, la dinamica congiunturale dell'exportè ampiamente negativa (-28,1%), per il forte calo registrato ad aprile ed è sintesi di flessioni che interessano tutti i raggruppamenti principali di industrie, le piu accentuate per energia (-56,0%), beni di consumo durevoli (-46,5%) e beni strumentali (-33,5%). Nello stesso periodo, il calo congiunturale dell'import (-20,3%) riguarda quasi tutti i raggruppamenti ed è più ampio per energia (-50,5%), beni di consumo durevoli (-38,1%). In lieve aumento gli acquisti di beni di consumo non durevoli (+2,0%).L'export segna una flessione su base annua ancora marcata (-15,6%) ma in decisa e progressiva attenuazione (-31,5% a maggio; -44,0% ad aprile).

La contrazione, generalizzata, è più ampia per energia (-53,5%), beni di consumo durevoli (-24,6%) e beni di consumo non durevoli (-17,1%). Rispetto alle esportazioni, le importazioni registrano una flessione tendenziale (-17,0%), lievemente più accentuata, con forti cali per quasi tutti i raggruppamenti, i maggiori per energia (-52,4%) e beni di consumo durevoli (-22,9%). Aumentano su base annua gli acquisti di beni di consumo non durevoli (+9,9%). 

A giugno, l'export verso paesi Mercosur (-32,7%), paesi Asean (-23,3%) e Stati Uniti (-22,4%) è in forte calo su base annua. Gli acquisti da paesi Opec (-47,2%), Russia (-41,5%), paesi Asean (-22,1%) e Turchia (-21,2%) registrano flessioni tendenziali molto più ampie della media delle importazioni dai paesi extra Ue27. In deciso aumento gli acquisti dalla Cina (+24,3%). Per l'area extra Ue, al netto del Regno Unito, si stima che l'export aumenti del 15,4% su base mensile e diminuisca del 15,4% su base annua. L'import registra un forte aumento sul mese (+18,5%) e un'ampia flessione sull'anno (-17,6%). Il saldo commerciale è pari a +3.568 milioni. 
Condividi