Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/italia-tre-medaglie-argento-e-una-bronzo-be49f9f4-da43-4d4b-b65b-f526b36fd7ec.html | rainews/live/ | true
SPORT

Tokyo 2020, Sale a nove il medagliere azzurro

Argento Garozzo nel fioretto. Giornata storica per nuoto: due medaglie. Bacosi argento tiro a volo

A Tokyo Daniele Garozzo è argento nel fioretto individuale. Nel tiro a volo, Diana Bacosi ha vinto l'argento nella gara di skeet. in mattinata  storico argento della 4x100 stile libero. La prima volta di sempre. Niccolò Martinenghi è bronzo nei 100 rana grazie a un gran finale.

Condividi
Altre quattro medaglie oggi per l'Italia a Tokyo. Il bilancio sale a nove dopo tre giorni di gare. Daniele Garozzo ha conquistato la medaglia d'argento nel fioretto maschile. L'azzurro ha ceduto in finale con il punteggio di 15-11 a Ka Long Cheung, atleta di Hong Kong. Il siciliano aveva vinto l'oro alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016. Piange al termine della finale Durante l'incontro l'italiano si è fatto anche massaggiare per un problema a una coscia. Garozzo non è quindi riuscito a bissare l'oro di Rio 2016. 

Storico argento per 4x100 sl e bronzo per Nicolò Martinenghi nei 100 rana. Con 3’10''11 Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo non solo conquistano per la prima volta la staffetta veloce dietro alla squadra statunitense (che vince con un tempo di 3'08"97), ma fanno anche il nuovo record italiano. Thomas Ceccon scende in vasca solo pochi minuti dopo aver centrato ingresso in finale dei 100 dorso uomini con 52''78, il terzo tempo nella prima semifinale, e ottimo quarto tempo complessivo.

Poi c'è la medaglia di Nicolò Martinenghi. Il nuotatore azzurro conquista il bronzo finale dei 100 metri rana con il tempo di 58''33. Oro al britannico Adam Peaty con 57''37, argento all'olandese Arno Kamminga.  "L'ho voluto e cercato da molto tempo" commenta Nicolò Martinenghi: "Da sempre, in ogni allenamento, sognavo quei 15 metri finali". 

Sempre nei 100 metri rana, ma questa volta femminili, va in finale Martina Carraro. Con un ottima seconda vasca chiude terza la sua semifinale, un modesto 1'06''50, settimo tempo complessivo. "Obiettivo centrato, non era facile" commenta una raggiante Martina ai microfoni Rai. "Si lavora per tanto tempo, riuscirci per me è motivo d'orgoglio - aggiunge Martina - Domani sarà una gara aperta, me la giocherò alla pari con le altre". 

Niente finale dei 200 stile libero per Stefano Ballo e Stefano Di Cola a Tokyo. Decimo tempo per Ballo (1'45"84, quattro centesimi in più di ieri), 14esimo per Di Cola. Non ce la fa neppure Margherita Panziera, l'azzurra termina la prima semifinale dei 100 dorso solo col sesto tempo, 59''75. Vince con il record olimpico Smith in 57"86, secondo posto per la statunitense White in 58"46, terza Dawson in 58"56.

Nei 400 stile libero femminile finisce il dominio di Kate Ledecky. La statunitense è stata battuta in finale dalla giovane australiana Ariarne Titmus con il tempo di 3'56''69.

Malagò: due medaglie pesantissime
"Due medaglie pesantissime. Se quella di  Nicolò Martinenghi potevamo aspettarcela quella d'argento della 4x100  stile libero è leggendaria". Lo ha detto il presidente del Coni,  Giovanni Malagò, dal Tokyo Aquatics Centre sulle due medaglie azzurre  del nuoto. "I ragazzi sono stati bravissimi tutti e cinque, anche  Santo Condorelli che ha dato il suo contributo in batteria. La  lucidità e la forza con cui sono rimasti sempre lì è impressionante.  Complimenti a tutti loro e alla Fin", ha aggiunto Malagò.

Federica Pellegrini si è qualificata per un soffio per la semifinale dei 200 metri stile libero donne. Per l'azzurra 15° tempo (1'57"33) sulle 16 nuotatrici ammesse al turno successivo. Simona Quadarella si qualifica per la finale dei 1500 sl. La campionessa azzurra è arrivata seconda nella sua batteria, chiudendo con il quarto tempo assoluto in 15.47.34. Eliminata l'altra italiana Martina Rita Caramignoli. Miglior tempo delle batterie per l'americana Kathy Ledecky in 15.35.35 nuovo record olimpico.

È già finita l'avventura olimpica di Benedetta Pilato ai giochi di Tokyo 2020. La ranista azzurra prenderà il volo per l'Italia domani dopo la delusione seguita alla mancata qualificazione con tanto di squalifica nei 100 rana. Sfuma definitivamente dunque anche la remota possibilità di una sua partecipazione alle staffette.

La 38enne azzurra Diana Bacosi ha conquistato la medaglia d'argento nella gara di Skeet donne di Tokyo 2020, vinta dall'americana Amber English. "Speravo nell'oro, di bissare Rio, è arrivato l'argento ma ho dato tutto ciò che avevo e sono contenta così". Lo ha detto Diana Bacosi dopo la gara di skeet, e un abbraccio al suo ct Andrea Benelli e al presidente della Fitav Luciano Rossi.

 
Condividi