Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/jack-dorsey-risponde-a-trump-twitter-fara-ancora-fact-checking-zuckerberg-a-fox-news-difende-presidente-9fe1b512-cd5c-4df8-aa7b-5a839d290713.html | rainews/live/ | true
MONDO

Zuckerberg risponde

Usa, il Ceo di Twitter risponde a Trump: continueremo a fare fact checking

Jack Dorsey risponde direttamente alle polemiche: sono io il responsabile delle azioni dell'azienda, si prega di lasciare i dipendenti fuori dalla questione. Su Fox news, intanto, il Ceo di Facebook sentenzia: le aziende private non sono arbitri della verità 

Il profilo Twitter di Donald Trump
Condividi
Twitter "continuerà a segnalare informazioni errate o contestate sulle elezioni a livello globale, e ammetterà  tutti gli errori che commette", non perché "un arbitro della verità" ma perché la sua missione è "collegare i punti delle dichiarazioni contrastanti e mostrare le informazioni controverse in modo che le persone possano giudicare da sole".


E' la risposta dell'amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey, alla polemica con il presidente americano Donald Trump che, dopo essersi visto contestare per la prima volta da Twitter due suoi post come "infondati", ha annunciato - su Twitter -  ritorsioni per i social media.



Zuckerberg prende posizione
Una risposta che riguarda anche Mark Zuckerberg, il Ceo di Facebook, che in un'intervista a The Daily Briefing, su Fox news afferma, in merito al fact checking, che "piattaforme digitali di proprietà privata non dovrebbero agire come arbitri della verità". 


La presa di posizione di Zuckerberg ha aggiunto benzina sul fuoco delle polemiche in particolare su Twitter, dove gli utenti portano avanti, con l'hashtag #DeleteFacebook la campagna per abbandonare il social network blu. Qualche ora dopo, è sempre il Ceo di Facebook, questa volta su Cnbc, a rincarare la dose: "Il dibattito politico è uno degli aspetti più sensibili della democrazia e le persone dovrebbero vedere ciò che i politici dicono":


Dorsey difende l'azienda
"Fact-cheking: alla fine c'è qualcuno responsabile delle nostre azioni come azienda, e quello sono io. Si prega di lasciare i nostri dipendenti fuori da questo", ha scritto Dorsey in una serie di tweet concatenati, sottolineando che "una maggiore trasparenza da parte nostra è cruciale in modo che la gente possa chiaramente vedere la ragione dietro le nostre azioni", in cui include il link alla policy di Twitter sulla pubblica integrità.
Condividi