Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/landini-imprese-paghino-tamponi-defiscalizzati-prorogare-blocco-licenziamenti-604b662c-0916-4584-a98f-d3226f8fee34.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

A "Che tempo che fa" su Rai3

Landini: "Le imprese paghino i tamponi, ma defiscalizzati"

Condividi
Dobbiamo "evitare divisioni anche introducendo il tampone a carico delle imprese. Molte imprese lo hanno fatto ed è stata una cosa utile per arrivare all'obiettivo finale del vaccino per tutti". Lo ha sottolineato il leader della Cgil, Maurizio Landini, parlando a 'Che tempo che fa'. Landini ha ricordato di aver chiesto al governo che i costi per sanificazione sostenuti dalle aziende (che comprendono anche quelli per i tamponi) fossero "in parte defiscalizzati".

Obbligo vaccinale
"Noi sindacati abbiamo detto in tempi non sospetti che era meglio arrivare all'obbligo vaccinale. Lo abbiamo detto in tutte le sedi insieme alla Cisl e alla Uil. Quando abbiamo visto che il governo ha preso la strada del Green pass, non siamo mai stati contrari", ha ribadito Landini.

"Ma il green pass metteva sullo stesso piano il vaccino come la possibilità di fare il tampone. Siccome fino ad agosto, dato che era possibile, le imprese hanno fatto i tamponi, la sanificazione... erano tutte spese che non erano a carico del lavoratore, ma a carico delle imprese, noi abbiamo proposto di definire un periodo temporaneo, transitorio, a partire dal 15 ottobre e per alcune settimane, proprio per arrivare a un'idea, se necessario, di obbligo vaccinale e nel contempo fare una campagna di informazione per convincere le persone a vaccinarsi".

Proroga blocco licenziamenti
"Il blocco dei licenziamenti sarebbe utile prorogarlo fino alla fine dell'anno. E' il momento di vaccinare, non di licenziare le persone", ha poi detto il segretario generale della Cgil. "La salute e la sicurezza devono tornare a essere elemento di cultura, non un costo", ha aggiunto . "Vogliamo potenziare gli ispettorati del lavoro e il loro potere di sospendere l'attività finché le imprese non si mettono a norma. Le persone vanno formate. Insisto sul tema - ha precisato Landini - investire per non creare lavoro precario e serve una politica sostenibile dal punto di vista ambientale".
Condividi