Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/lavoro-papa-vengo-da-migranti-piemontesi-non-vita-da-mantenuti-3fd0780d-2b82-4dbf-9bd3-d0b768ad2e14.html | rainews/live/ | true
MONDO

I migranti "non mettevano i soldi in banca, ma in mattoni e terreno"

Lavoro. Papa: vengo da migranti piemontesi, non è vita da mantenuti

Per Bergoglio "solo il lavoro esprime e alimenta la dignità dell'uomo, i sussidi siano dunque provvisori, perché l'obiettivo è dare lavoro e costruire futuro"

Condividi
"Alcuni mi hanno fatto dire cose che non sostengo: che propongo una vita senza fatica, o che disprezzo la cultura del lavoro. Immaginatevi se si può dire questo di un discendente di piemontesi, che non sono venuti nel nostro paese con la voglia di essere mantenuti, ma con un enorme desiderio di rimboccarsi le maniche per costruire un futuro per le loro famiglie".

Così Papa Francesco in un videomessaggio alla fondazione Idea (Istituto para el Desarrollo Empresarial de la Argentina) che rappresenta le grandi aziende argentine ed è specializzata nella contrattazione collettiva tra datori di lavoro, sindacati e governo. Il pontefice argentino, peraltro, parteciperà domani ad una riunione dei Movimenti popolari internazionali che rappresentano i lavoratori dei settori informali dell'economia. "È curioso", ha detto Francesco, "i migranti non mettevano i soldi in banca, ma in mattoni e terreno. La casa prima di tutto. Guardavano avanti verso la famiglia. Investimento di famiglia". 

È "chiaro che i sussidi possono essere solo un aiuto provvisorio", dice il papa. "Non si può vivere di sussidi, perché il grande obiettivo è offrire fonti di lavoro diversificate che consentano a tutti di costruire il futuro con la fatica e l'ingegno. Proprio perché diversificate, aprono il cammino affinché le diverse persone trovino il contesto più adeguato a sviluppare i propri doni, poiché non tutti hanno le stesse capacità e inclinazioni".  
Condividi