Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/le-notizie-dal-mondo-38ffcc19-c75a-4c6c-bae1-80db5eb208a1.html | rainews/live/ | true
MONDO

Mercoledì 14 aprile

Le notizie dal mondo

La rassegna stampa internazionale di RaiNews24

Condividi
di Paolo Cappelli La sospensione di Johnson & Johnson è l'ennesimo ostacolo alla campagna di vaccinazione europea e sembra mettere un forte punto interrogativo sul futuro dei vaccini vettoriali anti covid ma gli investitori scommettono proprio ora sull'Europa: è lì che entro l'anno potrebbe accendersi una ripresa a V. Ma il titolo dei titoli, oggi, ci porta negli Stati Uniti, dove il presidente Joe Biden sta per annunciare il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, a venti anni esatti dall'11 settembre. Una decisione che avrà conseguenze anche per noi europei, per noi alleati NATO, per i Carabinieri e i parà della Folgore in servizio in Afghanistan

NYT
Il presidente Biden ritirerà le truppe da combattimento americane dall'Afghanistan entro l'11 settembre, dichiarando la fine della guerra più lunga del Paese e avvertendo i suoi consiglieri militari che questo potrebbe portare a una recrudescenza delle stesse minacce terroristiche che hanno comportato l'invio di centinaia di migliaia di soldati in combattimento negli ultimi 20 anni. Respingendo le spinte del Pentagono a rimanere fino a quando le forze di sicurezza afghane non potranno domare i talebani, Biden ha impresso con la forza il suo orientamento contro un'estesa presenza militare americana in Afghanistan. Un alto funzionario dell'amministrazione ha detto che il presidente  ritiene che un "approccio basato sulle condizioni" significa che le truppe americane non lasceranno mai lasciato il paese. L'annuncio è previsto in giornata. La decisione di Biden arriva 20 anni dopo che il presidente George W. Bush ordinò l'invasione dell'Afghanistan dopo gli attacchi dell'11 settembre.


Time Mag (ottobre 2019)
Mattew Polano, Gregory Grammer, Ashley Gorbea sono alcuni delle migliaia di giovani americani che si addestrano per una guerra iniziata prima che loro nascessero
La guerra senza fine dell'America





NYT
Con la decisione afghana, Biden cerca di concentrare gli Stati Uniti su nuove sfide
La scelta del presidente di fissare una data precisa per un ritiro completo riflette la convinzione che le priorità del 2021 richiedano l'abbandono delle politiche stabilite nel 2001, scrive David E. Sanger. Anche se Biden non userebbe mai il termine, uscire dall'Afghanistan fa parte della sua versione di "America First" e differisce drasticamente dall'interpretazione del suo predecessore Donald Trump. Biden ha definito gli obiettivi della sua presidenza: liberare il paese dalla morsa di un virus che si sta trasformando in nuove varianti, rafforzare la competitività economica di fronte alla Cina e dimostrare al mondo che la democrazia americana può ancora affrontare grandi sfide. E in quella visione, le priorità sono combattere la povertà e le disuguaglianze razziali e aumentare gli investimenti nella banda larga, nei semiconduttori, nell'intelligenza artificiale e nelle comunicazioni 5G, non usare i militari per sostenere il governo del presidente Ashraf Ghani. L'approccio di Biden comporta chiari rischi. La valutazione annuale della minaccia mondiale pubblicata appena ieri mattina dai suoi capi dell'intelligence, quando è trapelata la notizia della sua decisione, avverte che "il governo afghano faticherà a tenere a bada i talebani" se la coalizione guidata dagli americani si ritirerà. Funzionari dell'amministrazione hanno detto che molti vedono lo spettro della caduta di Saigon nel 1975 , dopo che gli Stati Uniti rinunciarono a un'altra guerra sconsiderata.


Washington Post
Con il ritiro dall'Afghanistan, Biden punta al reste dell'agenda globale dell'America
Anne Gearan: Biden ha assistito alla parata di presidenti che fissavano obiettivi radicali per gli Stati Uniti all'estero, per rimanere poi invischiati in problemi di lunga durata. Ora che tocca a lui, Biden è determinato a evitare la stessa sorte. Biden vede la guerra contro i talebani come un freno alla necessità di affrontare minacce più grandi come la Cina, il cambiamento climatico, la pandemia - e persino una minaccia terroristica che è mutata in modo significativo. "Il presidente è coerente con la sua opinione che non esiste una soluzione militare per l'Afghanistan, che siamo lì da troppo tempo", ha detto ieri il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki. Il presidente ha anche affermato che le forze statunitensi sono diventate involontariamente parte del problema e che la soluzione non è aggiungere altre truppe. L'annuncio di oggi arriva due giorni prima che Biden ospiti il primo ministro giapponese Yoshihide Suga, il primo leader straniero a visitare la Casa Bianca con Biden, per un faccia a faccia che dovrebbe concentrarsi pesantemente sulle minacce provenienti dalla Cina . Arriva anche quando l'inviato per il clima John F. Kerry dovrebbe diventare presto il primo alto funzionario dell'amministrazione Biden a visitare la Cina e un giorno dopo che Biden aveva invitato il presidente russo Vladimir Putin a un futuro vertice. L'annuncio accompagna lo sforzo di Biden di declassare il Medio Oriente come priorità centrale, con l'eccezione dell'attenzione posta al programma nucleare iraniano. Biden ha preso le distanze sia dai leader israeliani che da quelli sauditi e non ha fatto alcuna mossa per avviare colloqui di pace tra Israele e palestinesi  in aperto contrasto con molti dei suoi predecessori che sono entrati in carica determinati a essere il presidente che porta la pace in Medio Oriente.


WSJ
L'uscita di Biden dall'Afghanistan
La data scelta cade a 20 anni dagli attacchi dell'11 settembre, a sottolineare che alla fine la guerra in Afghanistan finirà. Ma non sarà così. L'Afghanistan vedrà invece la sua guerra civile intensificarsi, i talebani cercheranno di riprendere Kabul e ristabilire l'Emirato islamico dell'Afghanistan. Se il Paese tornerà ad essere un santuario per al Qaeda e per lo Stato Islamico, non stupitevi se le truppe statunitensi dovranno poi tornare come hanno fatto in Iraq dopo che quel ritiro di Barack Obama nel 2011 che portò all'ascesa dell'ISIS. Biden ha ereditato una brutta situazione poiché il presidente Trump aveva negoziato una data di ritiro dal 1 maggio. Oggi rimangono circa 10.000 forze straniere, inclusi 3.500 americani. Una partenza degli Stati Uniti significa che anche la NATO e gli alleati se ne andranno. Gli Stati Uniti dicono che rimarranno impegnati diplomaticamente, ma il ritiro quasi sicuramente significa che i colloqui di pace tra i talebani e Kabul falliranno. I talebani non sentiranno alcuna pressione per fare concessioni e il presidente afghano Ashraf Ghani non ha motivo di negoziare la propria fine. Man mano che i talebani e le milizie in tutto il paese acquisiranno maggiore influenza in un vuoto di governo, milioni di persone perderanno l'accesso ai servizi di base e agli aiuti umanitari. Il duro progresso per le donne svanirà. L'Iran diventerà più influente a Herat e il Pakistan, che da anni sostiene i talebani, dovrà affrontare una resa dei conti interna con il rafforzamento degli islamisti. Se gran parte dell'Afghanistan diventasse di nuovo un vuoto in termini di sicurezza, al Qaeda e ISIS avranno una mano più libera per tramare attacchi terroristici contro gli Stati Uniti


Washington Post
Editoriale: Biden sceglie l'opzione più facile per uscire dall'Afghanistan. Il risultato potrebbe essere un disastro. La decisione potrebbe risparmiare ulteriori costi e vite agli Stati Uniti, ma sarà quasi certamente un disastro per i 39 milioni di persone di afghani - e, in particolare, per le sue donne. Potrebbe portare all'inversione del progresso politico, economico e sociale per il quale gli Stati Uniti hanno combattuto per due decenni, a un costo di oltre 2.000 vite americane e centinaia di miliardi di dollari. E, secondo la comunità dell'intelligence statunitense e uno studio commissionato dal Congresso, potrebbe consentire ad al-Qaeda di ripristinare la sua base in Afghanistan, da cui lanciò gli attacchi dell'11 settembre 2001.


Le Soir
La battaglia dei tavolini all'aperto
Il comitato di concertazione dovrebbe decidere oggi l'alleggerimento delle restrizioni per le scuole, i mestieri di contatto e i viaggi. Resta un punto sul quale le opinioni divergono: l'ospitalità, la ristorazione (l'horeca). Un settore fermo da ottobre e che non nasconde più la sua rabbia. Ma il confronto politico è aspro, dai toni accesi, perché la situazione sanitaria resta incerta



The Sun 
Assetati in coda. 14 milioni di prenotazioni per i pub con servizio all'aperto, tutto esaurito.







The i
Vaccini per chi ha meno di 40 anni entro sei settimane
i trentenni potranno prenotare il loro vaccino a fine maggio
i giovani fra i 18 e i 29 anni a giugno e luglio
cresce il sostegno degli scienziati a ricorrere anche un vaccino diverso dal primo per la dose di richiamo, se necessario. La task force di esperti: siamo abbastanza sicuri che il mix di vaccini diversi possa funzionare in termini di risposta degli anticorpi. Anzi, potrebbero pure esserci dei vantaggi nella risposta del sistema immunitario
appello per 1000 volontari che si sottopongano alla sperimentazione per uno studio che potrebbe rivoluzionarie il piano di vaccinazione nazionale. Per un milione di studenti universitari lezioni di nuovo in presenza dal 17 maggio


La Vanguardia
L'auto elettrica e gli alloggi attireranno i fondi europei
Gli altri grandi programmi includono la riforma della pubblica amministrazione, la digitalizzazione delle aziende, la rete 5G e la politica industriale





Le Figaro
Covid-19: le condizioni per una uscita dalla crisi
Di fronte alla minaccia di nuove varianti la Francia, per tornare a una vita normale, punta sugli effetti della fine del confinamento, sull'accelerazione delle vaccinazioni e sul ritorno della bella stagione    





Handelsblatt
Gli investitori scommettono sull'Europa
I broker, i grandi fondi considerano i mercati azionari statunitensi vicini ai massimi - e stanno speculando su ulteriori aumenti di prezzo delle azioni europee. I grandi investitori stanno puntando molto sulle azioni della zona euro. Una netta maggioranza dei gestori di portafoglio di fornitori di fondi, banche, assicuratori e fondi pensione è attirata ora dalle azioni della zona euro più che da altri mercati azionari. Con il 30% in più di ottimisti europei rispetto ai pessimisti tra gli investitori professionali, questa tendenza è forte come nell'agosto 2020, secondo il più importante sondaggio mensile di circa 200 grandi investitori della banca statunitense Bank of America Merrill Lynch (BofA). Questo perché i gestori di fondi contano su una rapida ripresa economica anche in Europa. Una netta maggioranza di loro si aspetta ora una ripresa a V:  meno di un anno fa, solo una minoranza ci credeva.


El Pais
I problemi con un altro vaccino complicano l'immunizzazione in Europa
J&J blocca la sua forniture dopo la sospensione del suo vaccino negli USA a causa di rare trombosi, il che minaccia il previsto calendario delle consegne all'Ue.





The Guardian
La dottoressa britannica che ha scoperto il legame fra problemi di coagulazione e il vaccino AstraZeneca.

Marie Scully era allarmata e perplessa. "Non aveva senso", ha detto. La consulente ematologa dell'University College London Hospital (UCLH) aveva già visto pazienti con coaguli di sangue nel cervello e piastrine basse e, sebbene fosse insolito, sapeva sempre perché. Ma non c'era motivo per le condizioni della giovane donna di 30 anni che stava curando all'inizio di marzo. "Ora, quando si hanno coaguli di sangue nel cervello in questo modo, c'è sempre una causa, ed è stato difficile individuare la causa", ha detto il prof. Scully. "Non si adattava alle nostre normali scatole diagnostiche, diciamo. Era una giovane donna con trombosi del seno venoso cerebrale e aveva un basso numero di piastrine ". Così iniziò una storia di detective medico, che portò a una conclusione inevitabile, ma difficile. Questo era un raro effetto collaterale del jab Oxford / AstraZeneca Covid . Il dilemma dei medici sarebbe enorme: come avvisare le persone dei sintomi e assicurarsi che siano stati diagnosticati e trattati adeguatamente senza spaventarli e minare la fiducia in un vaccino potenzialmente salvavita. Una revisione della Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) ha rilevato che entro il 31 marzo nel Regno Unito erano state somministrate 20,2 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca, con un rischio complessivo di coaguli di sangue di circa quattro su un milione .


Le Parisien
Enorme! Dopo il Barcellona, il PSG elimina il Bayern detentore del titolo ai quarti di Champions League. Per la squadra di Neymar e Mbappé l'avventura continua. 






L'Equipe
Il grido del cuore
al termine di una partita emozionante il PSG elimina il Bayern e accede per la terza volta alle semifinali di Champions, dove troverà o il Dortmund o il City. Guardiola: se vinciamo, sarò un genio. Pochettino: non siamo noi i favoriti della coppa




Marca 
Sulla strada delle semifinali anche il Real, dal passo deciso stasera ad Anfield Road. Zidane: a Liverpool non scendiamo in campo per gestire niente, ma per vincere. 
(Benzema, Kroos, Vinicius e Modric) La vincente affronterà il Chelsea




Dalla redazione

Moskovskij Komsomolets (mk.ru)

Denunciata scomparsa a Mosca ex addetto stampa di Alexander Lukashenko

Il politologo bielorusso Aleksandr Feduta è scomparso a Mosca l'11 aprile. La denuncia alla polizia è stata sporta la notte del 12 aprile da una cittadina russa, una conoscente di Feduta. L'uomo stava andando nella capitale russa per consigliare qualcuno, ma non ha detto chi esattamente. Feduta ha sostenuto attivamente le proteste contro Lukashenko. Per questo, una delle piste potrebbe essere il suo rapimento. Il punto debole di questa teoria è che aveva vissuto permanentemente in Bielorussia e pianificato di tornarci. Nello stesso tempo, la polizia bielorussa e il Kgb non hanno mostrato interesse per la sua persona. In generale, Feduta, nonostante la sua opposizione, è sempre stato molto corretto nelle sue dichiarazioni. Nel 1994 Feduta si unì al quartier generale elettorale di Aleksandr Lukashenko e divenne il suo primo addetto stampa. Nel 1995 Feduta ebbe una rottura con Lukashenko e passò all'opposizione.

Nel 2010 ha lavorato nello staff elettorale del candidato dell'opposizione Vladimir Nekliaev. Durante le proteste dopo le elezioni presidenziali in Bielorussia nel 2010, è stato arrestato e mandato in prigione per sei mesi. Durante questo periodo, l'analista politico è stato riconosciuto "prigioniero di coscienza". Nel 2011, è stato condannato a 2 anni di reclusione con la sospensione della pena.

Proceso (Messico)  
Il governo Messicano modificherà i testi dei libri scolastici, difficile insegnare con i libri del periodo neoliberista  

Il presidente Andrés Manuel López Obrador ha affermato che la modifica del contenuto nei libri di testo gratuiti a livello di scuola elementare serve a rafforzare questioni come la storia e i valori umanisti che erano stati eliminati dai governi precedenti. Per questo motivo, ha negato che fossero inclusi estremismi e ha detto che non si lavora "a vapore" per accelerare le modifiche perché i cambiamenti sono iniziati un anno e mezzo fa. “Dobbiamo tornare alla storia, che è maestra di vita, all'educazione civica, all'etica e i contenuti vanno modificati - aggiunge il Presidente - Come possiamo insegnare con i libri del periodo neoliberista?”  

Nella sua conferenza mattutina, il presidente messicano ha ribadito: "Certo gli oppositori saranno insoddisfatti, ma dobbiamo continuare a rafforzare la rivoluzione delle coscienze, perché l'unica cosa che rimarrà e non potranno rimuovere, è tutto ciò che va al pensiero e alla coscienza, tutto quello che otteniamo in un cambio di mentalità; il resto si può distruggere, ma non quello”. Il presidente López Obrador ha ricordato che nel 2018 la Camera dei deputati aveva approvato la creazione di una commissione per i contenuti presso il ministero della Pubblica Istruzione.   

"Da quando siamo arrivati al ​​governo abbiamo rimosso nient'altro che l'obsoleto", ha detto il presidente sottolineando che i suoi oppositori non sono d'accordo con la modifica dei libri di testo perché il governo del presidente López Mateos era contrario alla distribuzione gratuita della bibliografia scolastica. Carolina Irene Crowley Rabatté, dell'organizzazione Mujeres Unidas por la Educación, ha rivelato diverse incongruenze nel processo. “È un puzzle, e i libri della segretaria della Pubblica Istruzione non sono mai stati sul punto di diventare un Frankenstein”. Per gli esperti nel campo dell'educazione, il processo è fonte di confusione; inoltre, non ritengono necessario un cambiamento in questo momento, quando il ritorno in presenza alle scuole è bloccato, a causa della pandemia COVID-19 da più di un anno.
Condividi