Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/libia-papa-soluzione-per-sofferenze-popolo-rispettare-il-cessate-il-fuoco-05426d81-9e1c-4906-85b8-095ba61b1be3.html | rainews/live/ | true
MONDO

"Etiopia, respingere tentazione scontro armato"

Libia. Papa: "Soluzione per sofferenze popolo, rispettare il cessate il fuoco"

Il Santo Padre ricorda anche le popolazioni dell'America Latina duramente colpite dall'uragano Eta. E in occasione della Giornata del Ringraziamento sul tema 'L'acqua benedizione della terra' sottolinea: "E' un bene comune il cui uso deve rispettare la sua destinazione universale"

Condividi
"Capita, purtroppo, di dimenticare la meta della nostra vita, cioè l'appuntamento definitivo con Dio, smarrendo così il senso dell'attesa e assolutizzando il presente". Lo dice Papa Francesco all'Angelus in Piazza San Pietro.

"Quando uno guarda solo il presente perde il senso dell'attesa che è tanto bello e necessario - sottolinea Bergoglio - Questo atteggiamento preclude ogni prospettiva sull'al di là: si fa tutto come se non si dovesse mai partire per l'altra vita. E allora ci si preoccupa soltanto di possedere, di emergere, di sistemarsi, e sempre di più. Se ci lasciamo guidare da ciò che ci appare più attraente, da quello che ci piace, dalla ricerca dei nostri interessi, la nostra vita diventa sterile. Non accumuliamo alcuna riserva di olio per la nostra lampada, ed essa si spegnerà prima dell'incontro con il Signore".

Papa Francesco torna a pregare per la pace in Libia
Papa Francesco torna a pregare per la pace in Libia. Al termine dell'Angelus domenicale ha ricordato come domani si aprirà a Tunisi il Forum per il dialogo politico in Libia, promosso dall'Onu. "Auspico - ha detto il Papa - che in questo momento delicato si trovi una soluzione per porre fine alla lunga sofferenza del popolo libico e per un cessate il fuoco permanente che sia rispettato".

Il Papa all'Angelus ha dato anche voce alla preoccupazione per la situazione in Etiopia: " Seguo con preoccupazione le notizie che arrivano dall'Etiopia; mentre esorto a respingere la tentazione dello scontro armato, invito tutti alla preghiera, al rispetto del dialogo e alla ricomposizione pacifica delle discordie".

Papa prega per popolazioni America Latina colpite da uragano Eta
"Vedo una bandiera che mi fa pensare alle popolazioni dell'America centrale colpite nei giorni scorsi da un violento uragano che ha causato molte vittime e ingenti danni anche aggravati dalla situazione già difficile della pandemia". Il Pontefice - al termine dell'Angelus - ha rivolto un pensiero a quanti sono stati colpiti dall'uragano Eta che ha causato oltre 200 tra morti e dispersi in Guatemala, Messico, Panama, El Salvador e Costa Rica. "Il Signore accolga i defunti - è l'invocazione del Pontefice -, conforti i loro familiari e sostenga quanti sono più provati come pure tutti coloro che si stanno prodigando per aiutarli". 

"Acqua, bene comune il cui uso deve rispettare la sua destinazione universale"
Il Papa all'Angelus ricorda che l'acqua è un "bene comune" e lancia un appello affinché venga rispettata la "destinazione universale". "Si celebra oggi in Italia - ricorda Bergoglio- la giornata del ringraziamento sul tema 'l'acqua benedizione della terra'. L'acqua è vitale per l'agricoltura, anche per la vita. Sono vicino con la preghiera e l'affetto al mondo rurale specie si piccoli coltivatori. Il loro lavoro è più che mai importante in questo tempo di crisi". Il Papa si associa "ai Vescovi italiani che esortano a salvaguardare l'acqua come bene comune il cui uso deve rispettare la sua destinazione universale".
Condividi