Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/madre-spara-testa-figlio-e-si-uccide-comandante-polizia-municipale-f394de3e-5b3d-466e-9262-d78c5e0c663a.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'omicida comandava la polizia municipale del Monte Argentario

Porto Santo Stefano, madre spara alla testa del figlio 17enne e si uccide

L'ipotesi di un raptus di follia. La donna non ha lasciato nulla di scritto per spiegare il suo gesto disperato  

Condividi
La comandante della polizia municipale di Monte Argentario, Loredana Busonero, ha sparato con la sua pistola di ordinanza al figlio di 17 anni, Francesco Visconti, e poi si è tolta la vita. Il ragazzo, ferito alla testa gravemente, è stato trasferito all'ospedale di Siena ed è morto poco dopo.

La tragedia familiare è accaduta stamani a Porto Santo Stefano.  

La donna, 55 anni, da anni in servizio al comune, fino a ieri, spiegano alcune fonti, era andata regolarmente al lavoro. La famiglia abitava lungo la strada panoramica di Monte Argentario chiamata strada del Sole, e la tragedia è avvenuta questa mattina proprio nell'abitazione.

Loredana Busonero avrebbe sparato al figlio mentre il ragazzo era ancora a letto a dormire. L'ex marito, Marco Visconti, ex sindaco di Monte Argentario, è morto per un'emorragia cerebrale nel 2015. La coppia era separata.

Francesco Visconti, 18 anni il prossimo 2 agosto, frequentava il liceo scientifico con profitto e, con ogni probabilità, non si è neppure accorto della presenza della madre nella sua camera, stamani poco prima delle otto. I carabinieri e il personale del 118 sono giunti sul posto, richiamati dai vicini di casa che avevano udito gli spari. Il ragazzo era disteso sul letto, supino, un colpo alla nuca. La madre invece era a terra con un foro alla tempia e la pistola, una Heckler and Koch calibro 9, ancora in mano.

Difficile per gli investigatori, nell'immediatezza, dare una motivazione all'accaduto. Nessuna lettera o indizio, l'unica ipotesi rimasta è quella di un 'raptus di follia', apparentemente inspiegabile.

Scosso il sindaco di Monte Argentario, Arturo Cerulli, con il vicesindaco Priscilla Schiano, tra i primi a giungere all'abitazione della comandante dei vigili urbani. "Non ce lo aspettavamo, è una vera tragedia", ha detto il sindaco che ha raccontato di aver parlato con Loredana Busonero anche il giorno prima. "In passato aveva sofferto molto per la morte del padre", ha quindi ricordato. "Suo padre morì suicida e lei ha sempre detto che il padre l'aveva tradita".

La donna in passato aveva avuto anche qualche problema di salute che tuttavia aveva superato, così come era stata prosciolta in due procedimenti giudiziari a suo carico per vicende locali.
Condividi