Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/maltempo-ancora-allerta-rossa-crotonese-06c365f7-b405-4845-bc6d-fdb767fd98d9.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Sfollate cento famiglie

Maltempo, è ancora allerta rossa nel Crotonese. Conte: il governo sosterrà i cittadini

Preoccupa l'ingrossamento del fiume Esaro, che attraversa alcuni quartieri popolari di Crotone, come Fondo Gesù e San Francesco. Partiti 40 volontari dalla Campania e dalla Puglia. Lunedì il ministro Boccia in Calabria con il capo della Protezione civile, Borrelli

Condividi
E' ancora allerta rossa per il maltempo in buona parte del sud Italia, compresa la Calabria e soprattutto il Crotonese colpito ieri da un violento nubifragio, dove un centinaio di famiglie sono ancora sfollate e ospitate in strutture turistiche. La situazione è ancora critica e continua a piovere, anche se meno intensamente di ieri. E' stato interrotto il traffico sulla statale 106 jonica all'altezza del ponte sul fiume Neto. La decisione è stata presa perché il ponte non dà garanzie di stabilità. Disagi per il traffico, deviato sulla viabilità locale. Tutte le forze dell'ordine, insieme alla Protezione civile, sono impegnate per la gestione della situazione.

A Melissa, in provincia di Crotone, un ponte ha ceduto alle piogge ed è crollato. Secondo quanto si è appreso, non ci sono feriti perché non risultano persone coinvolte nel crollo.

Sotto osservazione il fiume Esaro, monitorato costantemente dai tecnici. Si tratta del corso d'acqua che attraversa alcuni quartieri popolari del capoluogo Crotone, come Fondo Gesù e San Francesco, dove nell'alluvione del 1996, che provocò anche sei vittime, si verificarono i danni. 

Le precipitazioni hanno ingrossato tutti i corsi d'acqua già al limite dello straripamento. Le vie di alcune zone della città, che si trovano al di sotto del livello del mare come il quartiere Marinella, sono diventate ieri dei fiumi di acqua, con fango e detriti che hanno letteralmente sommerso tutte le auto in sosta ed allagato garage e magazzini.     

Danni si sono registrati anche sulla linea ferroviaria ionica, causati da numerose esondazioni di corsi d'acqua. Disservizi ad alcuni impianti acquedottistici della Calabria gestiti dalla Sorical. Alcuni comuni sono rimasti senza fornitura d'acqua. 

Conte: il governo sosterrà i cittadini
"Seguo con massima attenzione l'evolversi della situazione in Calabria, colpita in queste ore da violenti nubifragi. Domani il capo della Protezione Civile Borrelli sarà a Crotone per una prima stima dei danni. Dal Governo tutto il sostegno necessario al territorio e ai cittadini calabresi". Lo scrive su twitter il premier Giuseppe Conte. 

Il Comune: state a casa 
Permane l'allerta maltempo per tutta la giornata a Crotone e il comune invita la cittadinanza a "restare a casa per la propria sicurezza e per consentire le operazioni di soccorso e di pronto intervento". Prosegue intanto "l'attività - è scritto in una nota - degli uomini del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile, del Comando Polizia Locale, della Protezione Civile Regionale, delle Associazioni di volontariato di Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, le Forze dell'Ordine per portare soccorso a chi è in difficoltà". 



Partiti 40 volontari dalla Campania
Una "colonna mobile" della Protezione civile della Campania è partita in soccorso delle popolazioni colpite dall'alluvione a Crotone. Dieci squadre, composte da oltre 40 volontari, e dotate di moduli idrogeologici (completi di idrovore) si sono messe in moto da Napoli, Avellino, Caserta e Salerno.
 
Emiliano: cinque squadre di volontari a Crotone
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, comunica che la Regione Puglia ha inviato nelle zone del Crotonese colpite dalle alluvioni, 5 squadre di volontari (2 da Bari, 2 da Lecce 1 da Brindisi/Taranto), attrezzate con idrovore, in coordinamento con la Protezione civile nazionale. Le squadre sono sul posto e da oggi sono a disposizione della Prefettura di Crotone e della Protezione civile della Regione Calabria per gli interventi di emergenza. "La Puglia è vicina alle regioni colpite dall'emergenza - dichiara Emiliano - rispondiamo alle richieste di aiuto senza nessuna esitazione".

Eolie isolate e mareggiate nelle strade.  Interrotti collegamenti con la terraferma
Prima ondata di maltempo invernale alle Eolie. Le sette isole dell'arcipelago da ieri pomeriggio sono prive di collegamenti con la terraferma per le forti raffiche di vento provenienti da est-sud-est; il mare mosso ha bloccato nei porti aliscafi e traghetti. Le mareggiate hanno investito la Marina Garibaldi di Canneto a Lipari che da alcune settimane è interessata da lavori di rifacimento del lungomare provocando danni e disagi. Il mare ha anche allagato la strada in alcuni punti e nella rotabile sono finiti sabbia e detritiche hanno creato difficoltà alla circolazione automobilistica. Le imbarcazioni per sicurezza sono state spostate sui marciapiedi sia a Canneto che a Marina Lunga.

Allerta arancione a Palermo, strade allagate
Piove da ieri notte in provincia di Palermo, dove la protezione civile ha diramato l'allerta arancione. Gli agenti della polizia municipale e i vigili del fuoco segnalano allagamenti in alcune zone della città. Anche il traffico ferroviario con l'aeroporto ha subito qualche ritardo, solo verso le 9.40 i treni hanno ripreso a circolare regolarmente. Un'auto si è ribaltata dopo avere preso in pieno un tombino che era stato aperto per fare defluire l'acqua che aveva allagato la strada in via Roccazzo. Sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno messo in salvo l'automobilista facendolo uscire dall'auto e affidandolo alle cure del 118.  I vigili del fuoco nella notte sono stati impegnati a liberare diverse auto impantanate. L'acqua caduta in modo copioso ha reso impossibile il transito in alcune strade.

Spirlì: grazie a De Luca ed Emiliano
"Ringrazio di cuore i presidenti di Campania e Puglia, Vincenzo De Luca e Michele Emiliano, che hanno inviato, rispettivamente, dieci e cinque squadre di soccorritori nelle zone del Crotonese colpite dalla straordinaria ondata di maltempo di questi giorni". Lo afferma il presidente facente funzioni della Giunta regionale della Calabria, Nino Spirlì, in merito all'arrivo nei luoghi del Crotonese colpiti dalle alluvioni di una "colonna mobile" di dieci squadre, composte da oltre 40 volontari, dalla Campania e di altre cinque squadre (due da Bari, due da Lecce e una da Brindisi-Taranto), attrezzate con idrovore, dalla Puglia. "E' questo - sottolinea Spirlì - lo spirito di collaborazione e di fratellanza che ci aspettiamo da tutti e che siamo pronti a ricambiare nei confronti di chiunque avesse bisogno di noi". 

Ministro Boccia in Calabria con capo Protezione civile 
Lunedì il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, sarà in Calabria per una serie di iniziative istituzionali. Lo rende noto l'ufficio stampa del Ministero. "Alle 9.15 con il Capo della Protezione civile, Angelo Borrelli e il Presidente della Regione Calabria, Nino Spirli - è detto nella nota - sarà a Cosenza all'ospedale militare da campo in contrada Vaglio Lise. Alle 10.30 il ministro Boccia sarà a Crotone per un sopralluogo nelle zone colpite dal maltempo e poi in Prefettura. Alle 13 il Ministro presiederà dalla Cittadella della Regione a Catanzaro, sede della Regione Calabria, la Conferenza Unificata e la Conferenza Stato-Regioni. 
Condividi