Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/maltempo-pioggia-neve-bassa-quota-gelate-weekend-calabria-rossa-allerta-4cd87921-0b82-4327-8a73-9e332e40d9ae.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Intensa perturbazione sull'Italia

Maltempo: temperature polari nel weekend, in Calabria ancora allerta rossa

L'evolversi della situazione porterà aria polare sull'intera penisola, a partire dal fine settimana le prime gelate. Prime nevicate anche a quote medie

Condividi
Arriva il gelo polare. Lo porterà l'evoluzione di una intensa perturbazione pilotata da un vortice centrato sulle Isole Baleari che sta investendo l'Italia e avrà il suo culmine in un'irruzione di aria polare nel weekend.

Piogge abbondanti o molto abbondanti colpiranno soprattutto Toscana, Lazio, Sicilia, Calabria e Puglia, ma pioverà anche sul resto delle regioni. Da domani, venerdì, inizierà ad affluire aria via via più fredda in quota, a partire dalle regioni tirreniche dalla Toscana alla Campania anche con nubifragi a Roma e Napoli. La neve cadrà sulle Alpi sopra gli 800-1000 metri, dai 1300 metri sugli Appennini e in Sardegna.

Arriva il gelo
Nel weekend l'aria fredda si farà sempre più incisiva con forti piogge sulle regioni tirreniche, continue e persistenti sulla Campania, mentre la neve scenderà ulteriormente di quota. Sulle Alpi scenderà fino a valle, mentre sugli Appennini e in Sardegna addirittura in collina (800 metri). Le temperature cominceranno a calare dapprima al Nord, poi nel fine settimana anche sul resto delle regioni con valori ben al di sotto della media del periodo.

Calabria: allerta rossa in alcune zone
Prosegue l'ondata di maltempo che interessa la Calabria. Per la giornata di domani, venerdì 26 novembre, la Protezione civile ha emesso un nuovo bollettino di allerta meteo che riguarda soprattutto la fascia tirrenica cosentina indicata con codice rosso. Allerta arancione, invece, per la costa tirrenica del Catanzarese e del Vibonese, mentre sul resto della regione è prevista una allerta gialla. Nella serata di oggi dovrebbe prodursi il primo effetto del maltempo che dovrebbe interessare maggiormente tutta la fascia ionica calabrese.

Campania: allerta gialla prorogata, è arancione su penisola Sorrentina
La Protezione civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo per piogge e temporali che proroga e amplia quello attualmente in vigore. Fino alle 18 di domani, venerdì 26 novembre, l'allerta sarà di livello arancione su Costiera sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, dove si prevedono temporali anche di forte intensità che potrebbero dare luogo a un dissesto idrogeologico diffuso anche con instabilità di versante, frane e colate rapide di fango. L'allerta sarà gialla su tutto il resto della Campania, dove si prevedono precipitazioni sparse, rovesci e temporali, anche intensi, associati a raffiche di vento. 

La circolazione dei treni sulla linea Napoli-Poggiomarino della Circumvesuviana è stata interrotta tra le stazioni di Scafati e Poggiomarino a causa dell'allagamento della stazione di Scafati. 

Lazio: allerta gialla per 36 ore
"Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso oggi l'avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che fino a sabato si prevedono sul Lazio precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, specie sulle aree costiere". "I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e locali raffiche di vento. La Sala Operativa Permanente della Regione Lazio ha diramato l'allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza".

Liguria: neve nell'entroterra
Nevicate hanno interessato e continuano ad interessare le zone alpine della Liguria, in particolare i versanti padani di Ponente e Levante e la Val d'Aveto. I nivometri della rete Omirl segnalano, alle 11.30, 26 cm sul Monte Settepani (Osiglia, Savona, ad oltre 1300 metri di quota). Accumuli di alcuni centimetri si segnalano in val d'Aveto sopra i 1100 metri, nevischio invece in valle Scrivia. Da segnalare un calo delle temperature previsto nel  fine settimana. 

Nelle ultime ore le nevicate stanno interessando in particolare la Val Bormida e la Valle Stura, ma non si registrano al momento disagi per la circolazione. Fiocchi segnalati anche sulla A6 Savona-Torino, dopo Millesimo in direzione nord. 

Le previsioni
Venerdì 26. Al nord: maltempo sul Friuli Venezia Giulia, neve sulle Alpi del Triveneto a 900m, più sole altrove. Al centro: intenso maltempo su Sardegna occidentale, Toscana e Lazio, piogge in Umbria e Marche. Al sud: nubifragi in Campania e sulla Calabria settentrionale, specie tirrenica.
Sabato 27. Al nord: neve sulle Alpi del Triveneto a 700m, in serata peggiora in Lombardia. Al centro: maltempo su Sardegna occidentale, Toscana e Lazio, piogge in Umbria. Neve in collina. Al sud: nubifragi in Campania e sul cosentino tirrenico.
Domenica 28. Migliora al Nord, maltempo sulle Tirreniche e in Sardegna con neve a 800 metri.

Coldiretti: moltiplicati gli eventi estremi
Sono quasi quintuplicati gli eventi estremi in appena un mese da nord a sud della Penisola con una drammatica catena di nubifragi, tornado, grandinate e bufere di vento che fanno salire a oltre 2 miliardi il bilancio dei danni all'agricoltura nel 2021 a causa della violenza del clima. È quanto emerge dall'analisi della Coldiretti su dati Eswd relativi al mese di novembre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno in riferimento all'ondata di maltempo che sta investendo l'Italia con l'allerta della Protezione civile su Lazio, Campania e Sicilia, temporali anche su Toscana, Sicilia, Calabria e Puglia e l'arrivo del gelo e della neve.   

Una situazione che appesantisce il bilancio di un anno in cui si sono verificati nelle città e nelle campagne drammatici eventi estremi che hanno causato vittime e danni lungo la Penisola.
Condividi