Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/miami-crollo-palazzo-si-scava-ancora-99-dispersi-strage-095f7c50-2332-452d-9d46-b527ff1ce1bd.html | rainews/live/ | true
MONDO

BIden approva lo stato d'emergenza

Miami, crolla un palazzo di 12 piani: almeno 4 morti e oltre 150 dispersi

102 persone che vivevano nel condominio sono state ritrovate, ma ne mancano ancora altre all'appello. L'edificio fa parte del complesso Champlain Towers South Condo, ed è stato costruito nel 1981

Condividi
Il bilancio del crollo dell'edificio di Miami si aggrava con almeno 4 morti e 159 dispersi. Lo afferma il sindaco di Surfside, Daniella LevineCava. 102 persone che vivevano nel condominio sono state ritrovate, ma ne mancano ancora altre all'appello. Le ricerche continuano senza sosta per cercare di individuare i dispersi, assicurano le autorità della Florida, assistite nei soccorsi anche dalla protezione civile. Fra le macerie si scava con macchinari pesanti e leggeri, e sono state dispiegate attrezzature speciali per rinvenire segnali di vita.L'edificio fa parte del complesso Champlain Towers South Condo, ed è stato costruito nel 1981.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, che ha riferito di essere in contatto con le autorità locali, ha promesso: "Siamo pronti a mobilitare le risorse federali". Erano le due di notte a Miami, tra 88th Street e Collins Avenue, quanto è crollato il palazzo di 12 piani. Non si tratta di un condominio comune: è parte del Champlain Towers, costruito nel 1981 con vista sull'Oceano Atlantico e più di 100 appartamenti che hanno prezzi tra i 600 e i 700mila dollari, secondo Miami Herald

 "E' come se l'edificio fosse stato colpito da un missile", ha raccontato un superstite, mentre le tv americane mandano immagini da apocalisse e qualcuno ha paragonato le scene a quelle dell'11 settembre: la polvere causata dal crollo ha dilagato per diversi isolati, i pompieri che lavorano tra cumuli di detriti dicono di sentire lamenti. "Abbiamo ancora speranza d'identificare altri superstiti", ha dichiarato il governatore della Florida, Ron DeSantis, avvertendo comunque di "prepararsi a cattive notizie, data la devastazione".   

 I 55 appartamenti interessati dal crollo venivano infatti utilizzati come seconde case da stranieri ed è probabile che alcuni di essi fossero vuoti. 

Il grande interrogativo ancora aperto è la causa della tragedia, su cui si aprirà un'indagine dopo il completamento delle operazioni id ricerca e soccorso, ha fatto sapere il sindaco della contea Miami-Dade, Daniella Levine Cava. Sally Heyman, uno dei membri della commissione della contea, ha spiegato che erano in corso lavori sul tetto dell'edificio, costruito nel 1981, ma che non è possibile al momento dire se il cantiere abbia avuto un ruolo nella tragedia. Nicolas Fernandez, 29 anni, residente a Miami, ha ammesso di non avere ancora notizie di amici che hanno pernottato in un appartamento di proprietà della sua famiglia.    "Siamo pronti a fornire ogni aiuto necessario" alla Florida, ha assicurato il presidente Joe Biden, dicendo di aspettarsi la dichiarazione dello stato d'emergenza da parte del governatore DeSantis. 

Biden approva lo stato d'emergenza
Il presidente americano Biden approva lo stato di emergenza per la Florida dopo il crollo dell'edificio a Surfside, aprendo di fatto agli aiuti federali. Il presidente ha autorizzato la Federal Emergency Management Agency, la protezione civile, a "coordinare gli sforzi con l'obiettivo di alleviare" le difficoltà e offrire adeguata assistenza.

Governatore Florida, ricerche dispersi sono priorità
"Le ricerche" dei dispersi "sono la priorità, vogliamo salvare vite" nell'edificio crollato a Surfside. Lo afferma il governatore della Florida, Ron De Santis..




 
Condividi