Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/migranti-13-sbarchi-lampedusa-oltre-400-contrada-imbriacola-c69c2ab4-a18e-4b6a-877f-e1db2e88d4db.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Incontro Lamorgese-Ellafi al Viminale

Migranti, 13 sbarchi a Lampedusa, oltre 400 a Contrada Imbriacola

Stamani 106 migranti sono stati trasferiti con il traghetto di linea per Porto Empedocle (Ag). Un altro gruppo, composto da 31 migranti negativi al Covid, è stato già imbarcato sulla nave quarantena Azzurra

Condividi
Due barchini, con 44 tunisini a bordo, sono stati intercettati a circa 15 miglia da Lampedusa e portati fino a molo Favarolo. Salgono così a 13 gli sbarchi registratisi oggi sulla più grande delle isole Pelagie.   

Nella prima imbarcazione c'erano 20 migranti, fra cui 5 donne e 9 bambini. Nella seconda, invece, erano in 22 fra cui 4 donne e 5 bambini. Anche loro sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola, dove, al momento, sono presenti oltre 400 migranti a fronte di una capienza massima di 250.

Trasferimenti su nave quarantena e traghetto
La Prefettura di Agrigento, d'intesa con il Viminale, sta cercando di fare in fretta per alleggerire le presenze all'hotspot di Lampedusa. Stamani 106 migranti sono stati trasferiti con il traghetto di linea per Porto Empedocle (Ag). Un altro gruppo, composto da 31 migranti negativi al Covid, è stato già imbarcato sulla nave quarantena Azzurra e si continuerà così fino al calar del sole. Fra coloro che andranno sulla nave quarantena anche i 16 positivi al Coronavirus. 

Sbarcano sull'isola nonostante espulsione, arrestati sei tunisini
Sei tunisini sono stati arrestati a  Lampedusa dagli agenti della Squadra mobile perché, nonostante fossero destinatari di un decreto di espulsione, erano sbarcati sull'isola. I  migranti, come da disposizioni del pm di turno della Procura di  Agrigento, sono stati posti ai domiciliari nell'hotspot di contrada  Imbriacola.       

Incontro Lamorgese-Ellafi, centrale dossier migranti
Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, ha incontrato al Viminale il vicepresidente del Consiglio presidenziale libico, Abdallah H. Ellafi, con il quale ha avuto un confronto sugli sviluppi del dialogo e della collaborazione tra Italia e Libia. Lamorgese - riferisce il Viminale in una nota - ha ribadito al suo interlocutore l'importanza che per l'Italia ha il dossier migratorio, ricordando che la Libia è soprattutto un Paese di transito dei flussi. Per questo, è stato fatto il punto sul progetto comune che, anche in collaborazione con l'Organizzazione mondiale per le migrazioni, ha l'obiettivo di incrementare la capacità operative delle autorità libiche per controllare la frontiera meridionale del Paese. 
Condividi