Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/migranti-lamorgese-troveremo-accordo-per-modifica-dl-sicurezza-96705ae4-1a19-46d9-9d59-3b640c492879.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Ripartire da Protocollo di Malta

Migranti. Lamorgese: "Troveremo accordo per modifica Dl sicurezza"

 "Nel confronto, che vedrà martedì un ulteriore incontro, io credo che un punto di contatto verrà fuori" spiega il ministro dell'interno

Condividi
"Io penso che un accordo lo troveremo. E' un tavolo di confronto, stiamo lavorando insieme per modificare delle norme in materia di immigrazione, toccando pochissimo l'aspetto della sicurezza. Ma nel confronto, che vedrà martedì un ulteriore incontro (con le forze di maggioranza), io credo che un punto di contatto verrà fuori". Lo ha detto il ministro dell'interno Luciana Lamorgese intervistata da Rai Parlamento rispondendo a una domanda sulle modiche ai Decreti Sicurezza.

Ripartire da Protocollo di Malta
"La strategia è chiara, innanzitutto con l'Europa riattivare i rapporti dopo questo periodo di emergenza sanitaria: noi vorremo che si partisse da quello che è stato il protocollo di Malta che ha dato degli ottimi risultati e da lì non possiamo tornare indietro. Dobbiamo ampliare sempre di più la platea dei Paesi che vengono incontro alle esigenze dell'Italia, di Malta e degli Stati di approdo" ha spiegato il ministro. 

Zoffili: "Ministro in audizione a Palazzo San Macuto, occasione preziosa"
"Il 30 riceveremo il ministro Lamorgese, una occasione preziosa". Così Eugenio Zoffili, Presidente del Comitato parlamentare di controllo sull'attuazione dell'accordo di Schengen, di vigilanza sull'attività di Europol e di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, parlando dell'audizione che si terrà a Palazzo San Macuto. "Un'occasione per riferire i tanti problemi che abbiamo raccolto nella nostra recente missione in Sicilia, a Pozzallo, Porto Empedocle e Lampedusa - spiega Zoffili - Dopo quello che ho visto con i miei occhi e vissuto sul campo chiederò al Ministro di chiudere immediatamente i porti e che siano al più presto inviati mezzi e rinforzi di militari e forze dell'ordine per contrastare l'immigrazione clandestina e il traffico di esseri umani in mare e su terraferma e garantire così la sicurezza dei cittadini e del nostro Paese". 
 
Condividi