Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/migranti-nuovi-sbarchi-a-taranto-e-sulle-coste-del-sud-della-sardegna-65223fb1-61fb-45ca-9a28-90a7d0aeccba.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Non solo Lampedusa

Migranti, nuovi sbarchi a Taranto e sulle coste del sud della Sardegna

Sono 83 pakistani, di cui 12 minori a Taranto e 7 algerini e due libici sulle coste sarde

Condividi
Mentre l'attenzione è puntata su Lampedusa e sul braccio di ferro tra le ong e il Viminale, continuano gli arrivi sulle altre coste italiane. La notte scorsa sono sbarcati sull'isola di San Pietro, a Taranto, 83 migranti pakistani di cui 12 minori non accompagnati. Sono in corso accertamenti per verificare le modalità del loro approdo. I migranti sono stati trasferiti all'hotspot di Taranto e sono state avviate le procedure di identificazione.

Il Comune di Taranto ha attivato la macchina organizzativa gestita dal comandante della Polizia locale, mentre su volontà del sindaco e su richiesta del Prefetto sono stati garantiti assistenza sanitaria e fornitura di generi di prima necessità e vestiario. Il 2 giugno scorso sbarcarono a Torre Colimena 73 migranti di nazionalità pakistana, tra i quali 19 minorenni, dopo un viaggio estenuante, durato 9 giorni, iniziato in Turchia. I carabinieri individuarono e arrestarono due scafisti ucraini.

Nuovo sbarco di migranti anche nelle coste del sud Sardegna. Un barchino con a bordo sette algerini e due libici - almeno in base alle dichiarazioni rilasciate alle forze dell'ordine - è approdato nelle prime ore del mattino sulla spiaggia di Porto Pino, nel Comune di Sant'Anna Arresi,nel Sulcis Iglesiente. I migranti sono stati bloccati da Guardia di finanza e Polizia. Tutti sono stati accompagnati al centro di prima accoglienza di Monastir (Cagliari).

La Questura di Cagliari ed in particolare l'Ufficio Immigrazione, con la collaborazione del personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, sta svolgendo tutti i necessari accertamenti attraverso la consultazione delle banche dati interforze e i riscontri per l'identificazione e la successiva verifica della posizione degli stranieri sul territorio nazionale. Ieri sempre nella stessa zona erano arrivati altri otto algerini.
Condividi