Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/migranti-sbarchi-lampedusa-e54eec7a-2b1c-4a65-9a0e-8ee70bc3f3f5.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Altri 4 arrivi dopo i 686 di questa notte

Lampedusa, nuovi sbarchi dopo il maltempo: oltre 700 migranti

Il sindaco Martello: "Nessuna criticità, l'assistenza in Italia funziona"

Condividi
Altri 4 barchini, con un totale di 67 migranti, sono giunti a Lampedusa durante la notte, dopo il maxi sbarco di 686 persone di questa notte e approdate al porto a bordo di una sola imbarcazione, un peschereccio, scortato dalle motovedette. 

Le 4 "carrette" - occupate da 30, 8, 12 e 17 persone - sono state intercettate quasi sotto costa dalle motovedette della Guardia costiera e Fiamme gialle. Questi piccoli gruppi - arrivati dopo alcuni giorni di stop dovuti al maltempo - sono stati portati prima al molo Favarolo e poi all'hotspot. Lampedusa è, di fatto, abituata a questi piccoli approdi, mentre l'ultimo maxi sbarco registratosi sull'isola risale allo scorso 28 agosto quando giunsero in 539. Secondo quanto ricostruito dalla Procura di Agrigento, i 539 immigrati, che già avevano subito ripetute violenze nei campi libici, erano stati stipati nell'imbarcazione anche sulla base della nazionalità riservando i posti peggiori ai non magrebini. Durante la traversata coloro che stavano sottocoperta, in assenza di acqua e in difficoltà respiratorie, venivano picchiati con dei tubi di gomma e con cinture ad ogni minima protesta. 

E sul maxi approdo di questa notte il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, avverte: "Lo sbarco induce a pensare ancora una volta all'esistenza di una organizzazione criminale transnazionale che rende assolutamente necessarie ed improcrastinabili complesse indagini internazionali. Fare comprendere agli stati del Mediterraneo e agli stati europei che operano nel Mediterraneo l'estrema gravità del fenomeno e indurli a una fattiva cooperazione giudiziaria internazionale, è di fondamentale importanza per contenere l'immigrazione irregolare e arginare le inaudite violenze e le tragiche violazioni dei più elementari diritti umani, cui sono vittime gli stessi immigrati e fra essi quelli più deboli come donne e bambini". 

Da canto suo il sindaco di Lampedusa, Totò Martello precisa che "non c'e' alcuna criticità dopo il maxi sbarco di questa notte, perché l'assistenza in Italia funziona. Il problema è che i governi europei, compreso quello italiano, pensano solo all'accoglienza e in questo modo non si risolve il problema dell'immigrazione incontrollata. La recente crisi dell'Afghanistan - aggiunge Martello - ha aggravato il problema perché le attenzioni politiche, a livello internazionale, si sono spostate solo sul fenomeno dei rifugiati tralasciando del tutto quello dei migranti economici. I risultati sono sotto gli occhi di tutti". 
Condividi