Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ministro-della-Transizione-ecologica-Cingolani-a-RaiNews24-transizione-ecologica-deve-essere-giusta-b09389c2-4a97-4e2b-953e-ef28cd9e8412.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Cingolani a RaiNews24: "La transizione ecologica sia giusta, nessuno rimanga indietro"

Condividi
"La transizione ecologica deve essere giusta, noi non dobbiamo lasciare nessuno indietro. Dobbiamo curarci di chi comunque non potrebbe passare all'auto elettrica,e lo dobbiamo aiutare a passare ad un mezzo molto più ecologico del vecchio Euro 0 o Euro 1. Già un passaggio a una macchina nuova Euro 6, che inquina meno, in questo momento dà un fortissimo impulso alla decarbonizzazione". Lo ha detto stamani il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, a RaiNews24.   

"Nello stesso tempo - ha proseguito il ministro - dobbiamo accelerare l'elettrificazione e la penetrazione delle macchine elettriche e ibride nel mercato, e per fare questo dobbiamo far crescere la domanda e l'offerta non solo delle macchine, ma anche dell'infrastruttura di ricarica. Ovviamente ci sarà una fascia della popolazione che potrà permettersi il passaggio all'auto elettrica, e lì dobbiamo attrezzare l'infrastruttura. Questa è la complessità della transizione".

"In Italia abbiamo un parco di auto private di circa 30milioni di macchine - ha spiegato Cingolani -. Una dozzina di milioni sono auto altamente inquinanti, Euro 0 e Euro 1. Non tutti hanno la possibilità di cambiare l'auto ogni 4 anni. Molti la tengono per molto tempo, l'auto diventa vecchia e inquinante.E' chiaro che bisogna fare la transizione elettrica, e vorremmo andare tutti domani con mezzi elettrici. Però vorrei ricordare che in questo momento un mezzo elettrico familiare di segmento Bcosta quasi il doppio di un mezzo a combustione interna. Se oggi ho un diesel euro 1 e mi compro un diesel euro 6, ho un grande miglioramento. La transizione durerà una decina d'anni, ci saranno delle soluzioni transitorie".

Nel governo Draghi "il verde non ha colore politico" e per gli impegni ambientali "il senso di urgenza è assolutamente condiviso", quindi "nessun problema di colore politico ma grande realismo", dice Roberto Cingolani a RaiNews24.   

"Posso garantire che in Consiglio dei ministri tutti hanno hanno chiari gli impegni internazionali assunti, la grande sfida che abbiamo di fronte e il fatto che stiamo lavorando per i bambini che sono oggi a scuola, non per le generazioni fra 20 0 30 anni", aggiunge Cingolani.   

Tutti i membri e le forze di governo, garantisce il ministro, sanno che "questa transizione è complicatissima, deve conciliare la corsa per il verde con la tutela dei lavoratori e del modello sociale che abbiamo", perché nella transizione ecologica, che "deve essere solidale", è evidente che "non possiamo trascurare i lavoratori ma allo stesso tempo le nuove generazioni dovranno cambiare il loro modo di intendere la società". 
Condividi