Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/mo.-Hezbollah-rivendica-razzi-verso-Israele-che-risponde-con-artiglieria-4a5ae073-73c0-424a-8832-3e83cb2ea56a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Appello Unifil per il cessate il fuoco

Hezbollah lancia razzi dal Libano verso Israele, che risponde con l’artiglieria

Due giorni fa 3 razzi erano stati lanciati dal Libano meridionale verso la vicina città israeliana di Kiryat Shmona. Oggi le sirene hanno suonato ancora

Condividi
Gli Hezbollah libanesi filo-iraniani hanno rivendicato il lancio di razzi dal Libano verso le Fattorie di Shebaa, contese tra Siria, Libano e Israele, nel settore orientale della Linea Blu di demarcazione tra Libano e Israele. A riferirlo un comunicato lo stesso movimento sciita libanese, secondo cui si tratta di "10 razzi" Katyuscia da 122 millimetri di calibro. Nella rivendicazione si afferma che si tratta di una "risposta ai raid aerei israeliani di giovedì notte", che a loro volta erano stati compiuti dopo che da maggio ai primi di agosto erano stati sparati dal Libano diversi razzi contro il territorio israeliano.
 
La risposta di Israele 
Sempre sulla linea blu che divide i due paesi nella regione contesa delle fattorie di Shebaa ci sono stati ripetuti colpi di artiglieria esplosi da Israele. A riferirlo l’'agenzia governativa libanese Nnna, secondo cui i colpi di mortaio, del calibro di 155 millimetri, hanno colpito la zona delle colline di Kfar Shuba e Habbariya, nel distretto di Hrqub. I colpi, fanno sempre sapere i media libanesi, hanno colpito zone aperte.
 
Israele: "Non vogliamo un conflitto"
Il portavoce militare israeliano in un incontro con i media locali ha detto che “non abbiamo interesse ad andare verso un conflitto, ma al tempo stesso - ha aggiunto - non permetteremo che il confine Nord si trasformi in una zona di confronto".  Il portavoce ha detto che gli Hezbollah hanno lanciato "19 razzi", 3 dei quali sono caduti in territorio libanese e 10 sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome. Il portavoce ha trovato significativo che il fuoco degli Hezbollah sia stato indirizzato verso zone aperte. Ha anche confermato che i lanci di razzi di due giorni fa dal Libano sud sono da attribuirsi ad elementi palestinesi, che non erano coordinati con gli Hezbollah. Al momento, ha proseguito, Israele ha sparato decine di colpi di artiglieria verso l'area da dove è partito l'attacco odierno.
 
Riunione d’emergenza in Israele
In questo contesto di alta tensione il premier israeliano, Naftali Bennett, insieme al ministro della Difesa, Benny Gantz, ha convocato una riunione d'emergenza dei vertici della sicurezza. Secondo quanto riporta il sito del quotidiano Haaretz, alla riunione parteciperà anche il capo di Stato maggiore dell'esercito, Aviv Kohavi e altri alti funzionari della Difesa. In agenda, la valutazione delle possibili azioni di Israele in seguito all'attacco rivendicato da Hezbollah. 
   .
L’appello dell’Unifil
"Questa è una situazione molto grave e invitiamo tutte le parti a cessare il fuoco": è quanto si legge sull'account Twitter della missione Onu in Libano Unifil, dopo il lancio di razzi da parte del gruppo sciita libanese Hezbollah nel Nord di Israele e la risposta israeliana con fuoco di artiglieria. 

Condividi