Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/mondo-coronavirus-b8849a2e-d09d-4b64-b4fb-aca487304cb2.html | rainews/live/ | true
MONDO

Covid nel mondo contagi record oms morti in calo

In una settimana record di casi, ma decessi in calo del 10 per cento

In India e Giappone si registra un lieve calo nei contagi. In Usa, Trump: "Il coronavirus non colpisce gli under 18". A Hong Kong restrizioni prorogate

Condividi
Un numero record di due milioni di nuovi casi di Covid-19 è stato registrato nella settimana dal 14 al 20 settembre (+5% rispetto alla settimana precedente) , ma il numero dei decessi è sceso del 10%: lo ha reso noto l'Organizzazione mondiale della Sanità. Con l'eccezione dell'Africa, in tutti i continenti si è registrato un aumento dei casi. Finora, nel mondo sono stati contati  31.322.314 i casi di contagi nel mondo, secondo i conteggi della John Hopkins University che fornisce dati giornalieri. I decessi sono invece 964.765. 

"Si tratta del maggior incremento settimanale da quando è iniziata l'epidemia – segnala l'Oms nel suo bollettino  - Nello stesso arco di tempo, il numero dei decessi è però sceso del 10%, con 37.700 vittime registrate".     Le cifre dell'Organizzazione si basano sui dati ufficiali dei vari Paesi, che però in molti casi rischiano di essere incompleti: diversi stati si testano solo i casi gravi, in altri i sistemi sanitari non sono in grado di contare tutte le persone infettate dal coronavirus.   Secondo l'Oms, in Europa si registra il più forte aumento delle vittime (+27% sulla settimana precedente), mentre il continente americano ha il primato dei nuovi casi (+38%), ma registra un importante calo dei morti, -22%.   In Africa, l'epidemia continua a rallentare, con un -12% di nuovi casi e un -16% di morti rispetto alla settimana precedente.


In Usa si sfiora la soglia dei 200mila decessi, altri 356 decessi hanno portato il totale dei morti per Covid-19 a 199.881. I nuovi casi sono stati 52.070 nelle ultime 24 ore, per un totale dall'inizio dell'epidemia arrivato a 6.857.703. 

Il coronavirus "non colpisce praticamente nessuno" di chi ha meno di 18 anni e rappresenta un rischio solo per ''le persone anziane con problemi cardiaci e altri problemi preesistentì'. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel corso di un evento elettorale a Swanton, nell'Ohio. Trump ha poi sostenuto che gli Stati Uniti, dove circa 200mila persone hanno perso la vita per complicanze legate al Covid-19, sono ''tra i Paesi al mondo che hanno il tasso di mortalità più basso al mondò' per il coronavirus.  

In Messico sono stati superati i 700mila contagi di coronavirus. Le autorità locali insistono sul fatto che sia rallentato il tasso di contagi. Secondo quanto riporta il ministero della sanità Messicano, nelle ultime 24 ore sono stati confermati 2.917 casi, potando il totale dei contagi a 700.580. Sono invece 73.697 le persone che hanno perso la vita per complicanze legate alla infezione.  

In Argentina quello di ieri è stato il giorno più nero nella tragica escalation della pandemia da covid-19. L'ultimo bollettino divulgato qualche ora fa dal Ministero della Salute parla infatti di un numero record di vittime per il paese nelle 24 ore: ben 429 che ne portano il totale dalla comparsa del morbo a 13.482. Inoltre, sempre ieri sono stati diagnosticati 8.782 nuovi contagi per un totale di 640.147 secondo la John Hopkins University il paese è al decimo posto a livello mondiale come numero di contagi complessivi. Delle 429 nuove vittime, 243 erano uomini e 186 donne. Ben 276 decessi sono stati registrati nella provincia di Buenos Aires, di gran lunga la più colpita dall'epidemia e nella quale da ieri sono state messe in atto delle importanti restrizioni alle attività commerciali e a quelle sociali. In totale sono 3.387 le persone ricoverate in terapia intensiva. L'occupazione dei letti raggiunge il 60,3% a livello nazionale e il 65,5% nell'area metropolitana della capitale.  

In Giappone , i casi totali di coronavirus arrivano a 80 mila confortante tendenza al rallentamento del ritmo di crescita, con i 312 nuovi casi di infezione confermati ufficialmente ieri, il totale delle infezioni nel paese, inclusi passeggeri e membri dell'equipaggio delle navi da crociera, è arrivato ad 80.000. In 10 giorni si è passati da 50.000 a 60.000, in 13 giorni per raggiungere i 70.000 e altri 19 giorni per arrivare a quota 80.000, cosa che mostra una confortante tendenza al rallentamento del ritmo di crescita. A Tokyo, area più colpita dalla pandemia, sono stati confermati sette decessi per infezione da coronavirus e 98 nuovi casi nel bilancio ufficiale aggiornato a ieri delle autorità sanitarie. 
 
Inoltre, nel paese del sol levante il numero di malati di influenza quest'anno rimane fermo ad un livello insolitamente basso. I funzionari del Ministero della Salute attribuiscono alle misure per prevenire l'infezione da coronavirus, prime tra tutte il lavaggio accurato delle mani e l'uso generalizzato delle maschere per il viso. Secondo il ministero, solo sette casi di influenza sono stati segnalati nelle due settimane fino al 13 settembre, una cifra pari a circa un centesimo del livello medio dell'anno precedente. A settembre di ogni anno, il ministero inizia a divulgare il numero di pazienti con influenza a seguito delle segnalazioni raccolte da circa 5.000 istituzioni mediche in tutto il paese: i casi finora segnalati sono stati tre fino al 6 settembre, contro i 3.813 della prima settimana di settembre dello scorso anno. 

In India, nelle ultime 24 ore 75.083 nuovi casi di coronavirus, è il livello più basso da un mese a questa parte. I morti sono stati 1.053 per un totale di 88.935 su oltre 5,6 milioni di casi dall'inizio della pandemia. Lo hanno annunciato le autorità sanitarie locali, spiegando che si tratta del lancio più basso in quasi in un mese. Le vittime da ieri sono invece 1.053. In totale, 5,6 milioni di persone hanno contratto il Covid-19 nel Paese dall'inizio della pandemia: si tratta del secondo bilancio più alto al mondo dopo gli Stati Uniti. 

Hong Kong prorogato al primo ottobre le restrizioni introdotte per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato Carrie Lam in conferenza stampa, dicendo che "come avevo previsto una settimana fa, è molto difficile allentare le nostre misure di distanziamento sociale in una settimana". Tra le restrizioni in atto a Hong Kong c'è il limite di riunioni non superiori a quattro persone. I ristoranti potrebbero invece continuare a restare aperti fino a mezzanotte.
Condividi