Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/montalbano-2e375042-5b46-4259-851e-529c13f5e092.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Il caso

Montalbano potrebbe rimanere in Sicilia. Il produttore Degli Esposti: "Sono possibilista"

Il presidente della Regione Crocetta ha assicurato alla Palomar una collaborazione stretta purché la serie tv con il celebre commissario interpretato da Zingaretti non cambi location

Condividi
La serie televisiva del commissario Montalbano potrebbe restare in Sicilia. Il produttore Palomar Carlo Degli Esposti dice di essere "possibilista", dopo aver sentito al telefono il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta. "Mi ha assicurato di voler essere al fianco della Palomar per i prossimi Montalbano. Oggi si apre una fase nuova". Ieri era uscita la notizia che parlava di un trasferimento della produzione della fiction tratta dai bestseller di Andrea Camilleri in Puglia dove Degli Esposti aveva già preso contatto con gli amministratori locali.

Le polemiche
Crocetta definisce "incauta" l'operazione Agrodolce prodotta da Rai Fiction in collaborazione con Rai Educational e con la Regione siciliana ai tempi dei governo di Totò Cuffaro e Raffaele Lombardo e realizzata da Einstein Fiction; la soap fu girata interamente in Sicilia, nell'immaginaria cittadina Lumera, e fu sospesa nel 2011 dalla Rai. "Con quei 25 milioni dovevano realizzare un centro di produzione a Termini Imerese - afferma il presidente della Regione - di quella struttura non abbiamo visto nemmeno l'ombra". "Nessuno tenti di ribaltare la frittata - insiste Crocetta - perché la Rai dovrebbe restituire 25 milioni spariti nel nulla". 


 
Condividi