Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/morrison-marianne-faithful-morte-pusher-837384c9-205f-4ac4-90ae-9a7e84dab54a.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Rock

Marianne Faithfull: "Fu il mio ragazzo a uccidere Jim Morrison"

A più di 40 anni dalla morte del leader dei Doors la cantante racconta la sua versione: "Il mio compagno di allora era il suo pusher: fu lui a vendere a Jim la dose di eroina fatale"
 

Condividi
"So chi ha ucciso Jim Morrison, è stato il mio fidanzato": la rivelazione shock sulla morte della star, ancora oggi circondata da un alone di mistero, arriva dalla cantante britannica Marianne Faithfull. In un'intervista al magazine Mojo, riportata dai media statunitensi, la Faithfull racconta la sua verità sulla morte del leader dei Doors trovato morto nella vasca da bagno del suo appartamento di Parigi, sembra per un'overdose di eroina. A oltre quarant'anni di distanza la Faithfull afferma che a vendergli la droga fu proprio il suo compagno dell'epoca, Jean de Breiteuil, famoso spacciatore delle star: proprio lui, spiega, causò accidentalmente la morte dell'icona del rock. "E' andato da Jim Morrison e lo uccise", afferma la cantante, precisando poi di essere "sicura che fu un incidente".

La ricostruzione-choc
"L'eroina era troppo forte, ed è morto - continua -. E comunque, tutti coloro che erano collegati al decesso di questo povero ragazzo sono morti. Eccetto me". Quando de Breiteuil le disse che andava da Morrison, la Faithfull "sentì puzza di guai". "Pensai: mi prendo qualche Tuinal (barbiturici) ed evito di seguirlo", rivela ancora, sottolineando che rimase in albergo mentre l'allora fidanzato si recò a casa della star, al numero diciassette di Rue Beautreillis. Lo stesso de Breteuil è stato poi trovato morto in Marocco, poche settimane dopo il decesso di Morrison. La fine della star è da sempre avvolta nel mistero: i referti medici parlano di arresto cardiaco, ma sul suo corpo non venne eseguita nessuna autopsia, e per questo la sua morte è stata oggetto negli anni di diverse congetture. C'è persino chi ritiene che sia ancora vivo e abbia inscenato la sua morte per sottrarsi alla pressione della popolarità.   

L'uscita del nuovo album di Marianne
Le scioccanti rivelazioni della Faithfull arrivano in concomitanza con la pubblicazione del suo nuovo album, "Give My Love to London", che uscirà il prossimo 29 settembre. La cantante, oggi 67enne, che ebbe anche una relazione con la star dei Rolling Stones, Mick Jagger, ha poi in programma nel mese di ottobre la pubblicazione di un libro di fotografie di tutta la sua carriera con didascalie autobiografiche, dal titolo "Marianne Faithfull: A Life on Record". Nel corso dell'intervista al magazine Mojo, la cantante parla anche di un'altra musicista prematuramente scomparsa, Amy Winehouse, morta come Morrison a 27 anni, nel luglio del 2011, a causa di un cocktail di alcool e farmaci. "Amy era molto diffidente nei miei confronti", spiega la Faithfull, "sapeva che io sapevo e non voleva le dicessi nulla".

Il ricordo di Amy Winehouse
"C'è un livello di narcisismo misto al disprezzo di sè, lo conosco bene - conclude -. E' come una parete di vetro fra te e il mondo, e non senti tutto l'amore che gli altri riversano su di te. Ma non riesco a pensare a che cosa avrei potuto fare oltre a prenderla da parte e dirle di darsi una svegliata".
Condividi