Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/morto-a-81-anni-jean-loupe-dabadie-scrittore-accademico-di-francia-4f75a720-f12c-40f7-a5af-08b9aa0f6aa5.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Lutto nel mondo della cultura

Francia, morto a 81 anni lo scrittore Jean-Loupe Dabadie

Accademico di Francia, sceneggiatore di celebri commedie come "La signora in rosso"
 

Condividi
E' morto domenica all'ospedale della Pitié-Salpêtrière di Parigi, all'età di 81 anni, lo scrittore, sceneggiatore, giornalista e paroliere francese Jean-Loup Dabadie, autore di una quarantina di sceneggiature per il cinema e oltre 300 canzoni. 

E' stato il primo rappresentante del mondo dello spettacolo a diventare "Immortale di Francia" con l'elezione, nel 2008, all'Académie Française, L'annuncio della scomparsa è stato dato dal suo agente Bertrand de Labbey, precisando che non è deceduto per il coronavirus. 

Dabadie ha scritto e sceneggiato per il grande schermo commedie di grande successo come ''La signora in rosso'' (1984) di Gene Wilder con Kelly LeBrock, ''Mica scema la ragazza!'' (1972) di Francois Truffaut, ''Discesa all'inferno'' (1986) di Francis Girod, ''Certi piccolissimi peccati'' (1976) di Yves Robert, "È simpatico, ma gli romperei il muso" (1972) e "Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre" (1974), entrambi di Claude Sautet.

Nato nel 1938 a Parigi, Jean-Loup Dabadie, il cui padre era anche paroliere, ha pubblicato il suo primo romanzo, "Occhi asciutti", a 19 anni. Quindi inizia nel giornalismo e avrebbe potuto diventare un autore "serio", se non avesse inviato i suoi primi schizzi, "Paulette", "Le boxeur" all'umorista Guy Bedos, durante il servizio militare. Il successo è stato immediato. Il suo ultimo successo nel cinema risale ai primi anni '80.
Condividi