Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/mosca-espelle-10-diplomatici-usa-e-5-polacchi-67d14d82-77d2-4ed5-894e-2381c58c6455.html | rainews/live/ | true
MONDO

La crisi

Tensione Est-Ovest, Mosca espelle 10 diplomatici Usa e 5 polacchi

Il ministero degli Esteri russo ha annunciato inoltre il divieto d'ingresso per il direttore del Fbi, il capo della Cia e il procuratore generale

Condividi
La Russia risponde alle nuove sanzioni degli Stati Uniti annunciando l'espulsione di 10 diplomatici del Paese nordamericano e altre misure. Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha suggerito anche che l'ambasciatore in Russia, John Sullivan, torni a Washington per consultazioni, aggiungendo che a  otto alti funzionari sarà vietato l'ingresso in Russia. Tra loro, il ministro della Giustizia Merrick Garland, il direttore dell'Fbi Christopher Wray, quello dell'Intelligence nazionale Avril Haines, il segretario alla Sicurezza interna Alejandro Mayorkas, l'ex consigliere di Sicurezza nazionale sotto Trump John Bolton.

Lavrov ha anche detto che le ong che "interferiscono" con la politica di Mosca saranno chiuse e sarà negato alla sede diplomatica Usa di assumere cittadini russi e di terzi Paesi come staff di supporto.

Un giorno prima, l'amministrazione Biden aveva annunciato sanzioni alla Russia per l'interferenza nelle presidenziali del 2020 e per l'attacco hacker SolarWind alle agenzie federali. Tutte azioni da cui Mosca aveva preso le distanze. Washington ha ordinato l'espulsione di 10 diplomatici, preso di mira compagnie e persone, imposto nuovi tagli alla possibilità di Mosca di accedere a prestito.

Lavrov ha detto anche che il suo Paese avrebbe potuto decidere "dolore misure" contro gli interessi economici degli Usa in Russia, ma terrà la possibilità "per uso futuro. Ha poi avvertito che, se Washington alzerà la pressione, Mosca potrà chiedere la riduzione  del suo staff diplomatico da 450 a 300 membri. Lo staff dei due Paesi, ha precisato, ha la stessa numerosità, ma quello russo include 150 dipendenti Onu che non dovrebbero invece essere conteggiati. E ha sottolineato che anche cinque diplomatici polacchi saranno espulsi per punire Varsavia: "Abbiamo notato quanto sia stata in linea con gli Usa, chiedendo che tre diplomatici russi lascino la Polonia".

Il presidente Joe Biden ha invocato l'allentamento della tensione e tenuto aperta la porta alla collaborazione con Mosca in alcune aree, dicendo a Putin in un colloquio martedì di aver deciso di non imporre sanzioni più pesanti per ora e proponendo di incontrarsi in estate in un Paese terzo. Lavrov ha detto che la Russia ha un "atteggiamento positivo" sul summit, e valuta la proposta. Ma una dichiarazione del suo ministero ha poi sottolineato che l'offerta "viene analizzata nel contesto della situazione in evoluzione".

Se le sanzioni statunitensi fossero rese più pesanti, potrebbero mettere Mosca in difficoltà. Una reazione potrebbe essere un'escalation in Ucraina, dove di recente ci sono stati una ripresa degli scontri con i separatisti sostenuti dalla Russia nell'est e un massiccio rafforzamento delle forze di Mosca oltre confine. Il presidente Volodymyr Zelensky è andato per questo a Parigi, dove ha cercato l'appoggio del francese Emmanuel Macron e della cancelliera tedesca Angela Merkel. Dopo una videoconferenza, i tre hanno chiesto alla Russia il ritiro delle truppe dal confine.
Condividi