Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/online-primi-documenti-digitalizzati-biblioteca-vaticana-aac73947-7ae2-479e-8bf6-a914a6dcb23c.html | rainews/live/ | true
TECH

@bibliovaticana in italiano, @vaticanlibrary in inglese

La Biblioteca vaticana sbarca su Twitter

Tutte le informazioni riguardanti la Biblioteca Apostolica Vaticana d'ora in poi saranno affidate ai tweet, visibili anche nel feed della homepage del sito. 

(Copyright Biblioteca Apostolica Vaticana)
Condividi
Roma La Biblioteca Apostolica Vaticana ora ha un suo canale di comunicazione attraverso Twitter, con il quale informa che sono già disponibili per la visione alcuni dei documenti digitalizzati della preziosa collezione.

La giapponese Ntt Data ha messo online, per la navigazione e la consultazione, i primi documenti digitalizzati dell'archivio della Biblioteca Apostolica Vaticana, che che, una volta completato, permetterà l'accesso alle riproduzioni digitali di oltre 4.000 antichi manoscritti, all'indirizzo www.vaticanlibrary.va.

Il lavoro è frutto di un accordo siglato nel marzo scorso tra la Biblioteca Vaticana e la società giapponese Ntt Data per la digitalizzazione di 3 mila manoscritti nell'arco di 4 anni, nell'ambito del più vasto progetto che riguarda l'intero patrimonio conservato presso la Biblioteca. 

Le immagini, in alta definizione, saranno visualizzabili su diversi dispositivi, tra cui i tablet. Ntt Data sta ottimizzando la propria tecnologia di gestione dati con l'obiettivo di sviluppare, entro la fine dell'anno, una funzione di ricerca efficace per l'archivio digitale della Biblioteca Apostolica Vaticana. "Siamo entusiasti di ammirare questi antichi manoscritti in formato digitale ad alta risoluzione, oggi resi ampliamente accessibili agli utenti di tutto il mondo", ha commentato Toshio Iwamoto, presidente e Ceo dell'azienda giapponese.    

"Abbiamo accolto volentieri la collaborazione di Ntt Data per favorire l'ulteriore sviluppo del progetto di digitalizzazione dei nostri manoscritti utilizzando tecnologie innovative", ha spiegato Monsignor Cesare Pasini, prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana. "In questo modo sviluppiamo ulteriormente la nostra missione di rendere sempre meglio conosciuti e approfonditi i tesori dell'umanità qui conservati, in un vivo spirito di universalità: l'universalità del sapere e l'universalità delle collaborazioni e intese con istituzioni e società di ogni angolo del mondo".    

Il nuovo sistema di archiviazione digitale della Biblioteca Apostolica Vaticana potrà essere consultato anche attraverso il portale allestito da Digita Vaticana (www.digitavaticana.org), fondazione affiliata alla Biblioteca che si propone di raccogliere fondi per sostenere i progetti di conservazione della Biblioteca.
Condividi