Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ostia-cassazione-clan-fasciani-e-organizzazione-mafiosa-86fa3ae2-deba-41e4-b731-61d5636766a7.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Angeli: altro che associazione a delinquere semplice

Ostia. Cassazione: Clan Fasciani è organizzazione mafiosa. Ribaltata la sentenza d'appello

La Corte d'appello di Roma dovrà riesaminare la vicenda e "a partire dal carattere mafioso del gruppo" rivalutando ogni questione "circa la partecipazione, con il relativo grado e consapevolezza, degli imputati al predetto sodalizio"

Condividi
Sì al "riconoscimento del carattere mafioso del gruppo" facente capo a Carmine Fasciani. E' quanto scrive la Cassazione, spiegando perche', il 26 ottobre scorso, ha accolto il ricorso della Procura generale di Roma contro la sentenza di appello che aveva fatto cadere l'aggravante mafiosa nei confronti degli imputati, ritenendoli responsabili solo di associazione a delinquere, riducendo cosi' nettamente le condanne che in primo grado erano state pesantissime, con pene complessive di oltre 200 anni di carcere.

"La sentenza di appello - si legge nelle motivazioni depositate oggi - ha violato il precetto penale espresso dall'articolo 416 bis del codice penale" e "si è sottratta all'obbligo di motivazione pervenendo ad una conclusione contraddittoria quando non, per alcuni rilevanti aspetti, apodittica". Il "disconoscimento del carattere mafioso del gruppo facente capo a Carmine Fasciani da parte della Corte di merito", osservano ancora i supremi giudici, oltre a "violare la norma incriminatrice", è contraddittorio "quando non manifestamente illogico" anche "rispetto alle acquisizioni probatorie date per conseguite dallo stesso giudice".

La Corte d'appello di Roma, dunque, in diversa composizione, dovrà riesaminare la vicenda e "a partire dal carattere mafioso del gruppo" rivalutando ogni questione "circa la partecipazione, con il relativo grado e consapevolezza, degli imputati al predetto sodalizio". 

Panorama: Sei le famiglie che si dividono il territorio ad Ostia
Sei le famiglie che si dividono il territorio ad Ostia, che gestiscono il business della droga e degli alloggi popolari: Spada, Guarnera; Di Silvio; Casamonica; Triassi e appunto Fasciani. Il cognome “Fasciani” indica “don Carmine”, boss indiscusso dell’omonimo clan che spadroneggia sul litorale detenendo il business della droga e delle estorsioni. Don Carmine, al centro di numerose relazioni antimafia della Dia, lega il suo nome sia ad esponenti del Nar che ha soggetti come Gennaro Mokbel, il faccendiere che avrebbe gestito i fondi neri per colossi come Telecom e Fastweb. Don Carmine, 67 anni, di origini abruzzesi si trasferisce ad Ostia negli anni Settanta. Dopo pochi mesi, comincia ad avere rapporti con la Banda della Magliana. Poi, dagli anni Ottanta, inizia l'escalation criminale sul litorale: droga e estorsioni. Infine tenta il salto imprenditoriale acquistando uno stabilimento balneare “Village” a Ostia Ponente. Don Carmine oggi è a processo con le figlie Sabrina e Azzurra.

Angeli: il tempo è galantuomo. Altro che associazione a delinquere semplice
Soddisfazione da parte di Federica Angeli, la giornalista del quotidiano "La Repubblica" che da anni - attraverso le sue inchieste - racconta come i clan gestiscono gli affari illeciti del 13esimo Municipio della Capitale. Proprio per le sue inchieste - da circa quattro anni - vive sotto scorta. Come ha raccontato - in diverse interviste - è stata minacciata di morte. In una occasione - ignoti - le hanno versato della benzina sotto la porta mentre si trovava in casa con i suoi figli.

Condividi