Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/pedofilia-on-line-polizia-postale-reati-arresti-2017-cyberstalking-pedopornografia-rete-botnet-malware-bot-e0dd62b3-904c-43f9-b3d2-f170c990cdee.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Polizia Postale

Pedopornografia on line, 55 arresti nel 2017

Il contrasto alla pedopornografia in rete ha portato al monitoraggio di 28.560 siti internet a sfondo sessuale. Finiti nella black list 2.077 siti per contenuti pedopornografici

 

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Sono stati 55 gli arresti e 595 le denunce della Polizia Postale sul fronte della lotta alla pedopornografia online nel 2017. Monitorati complessivamente 28.560 siti internet a sfondo sessuale, di cui 2.077 sono stati inseriti nella black list per contenuti pedopornografici.

I dati emergono dal consuntivo 2017 dell'attività svolta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni. Un'attività che è caratterizzata costantemente alla prevenzione e al contrasto della criminalità informatica in generale, con particolare riferimento ai reati che sono di particolare competenza della Specialità, come appunto la pedopornografia web.

Significative del 2017 sono state in particolare due operazioni: una chiamata  'Sweep Web' del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Firenze che ha portato a 45 perquisizioni e a 3 arresti per pornografia minorile; la seconda chiamata 'Black Shadow', condotta dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Trento, nell'ambito della quale sono state eseguite 37 perquisizioni e 10 arresti per detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico.

Adescamento di minori sulla rete
Per il 2017 confermata la rilevanza del fenomeno dell'adescamento di minori online che ha registrato 437 casi trattati che hanno portato alla denuncia di 158 soggetti e all'arresto di altri 19. 
Considerata significativa anche l'attività investigativa denominata  'Bad Queen' condotta dal Compartimento Polizia Postale di Trieste che ha portato alla denuncia di 7 soggetti. 

Altresì di rilevanza sono state le indagini avviate a seguito delle segnalazioni dei genitori come l'operazione "12 Apostoli" del Compartimento Polizia Postale di Catania, che ha arrestato 4 soggetti per associazione a delinquere finalizzata alla violenza sessuale aggravata ai danni di minori.

Notevole è stata anche l'attività di collaborazione con organismi internazionali: sono stati elaborati 176 Report NCMEC, dai quali sono scaturite importanti indagini contro il rapimento, l'abuso e lo sfruttamento di minori. 

Da segnalare inoltre un sensibile aumento dei reati informatici contro la persona come la diffamazione, il cyberstalking, la sostituzione di persona, il trattamento illecito dei dati personali. Denunciate 917 persone ed arrestate 8.

La lotta al cyber crimine ha poi portato sul fronte del contrasto al terrorismo al monitoraggio di 17.000 siti web, alcuni dei quali per i contenuti sono stati chiusi.

Per quanto riguarda lo Stato ed i siti istituzionali, sono stati 1006 gli attacchi hacker contrastati. Da segnalare l'operazione Andromeda con lo smatellamento di una rete botnet, cioè di un insieme di computer infettati da virus (malware, bot o zombie) comandati a distanza da un botmaster (hacker) per raggiungere scopi illeciti, gettare il panico su internet e commettere svariati reati come lo spionaggio informatico.
Condividi