Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/rischio-attacchi-hotel-allarme-usa-e-gb-eb6545fa-786e-4b3f-bde1-3aaeaa68e5e4.html | rainews/live/ | true
MONDO

Afghanistan , governi Usa e Gb: "Rischio attentati in hotel di Kabul"

A Doha in corso i primi colloqui tra Usa e talebani

Condividi
 I governi di Usa e Regno Unito hanno lanciato un allerta ai loro concittadini in Afghanistan avvertendo che gli alberghi, in particolare l'hotel Serena - un albergo di lusso molto popolare tra gli stranieri- rischiano attentati.     Non è stato specificato altro ma il consiglio per tutti è di non rimanere lì ed evitare la zona circostante. "A causa dell'aumento dei rischi si consiglia di non soggiornare in hotel" a Kabul, invita il Foreign Office sul proprio sito web, citando in particolare l'hotel Serena. Sulla stessa linea il Dipartimento di Stato Usa: "A causa di minacce alla sicurezza, raccomandiamo ai cittadini americani di evitare di soggiornarvi ed evitare la zona". 
 
Tutto ciò mentre a Doha sono in corso i primi colloqui tra gli Stati Uniti e i talebani. Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha definito i colloqui "franchi e professionali". Gli Usa hanno ribadito che i talebani saranno giudicati per le loro azioni, non per le loro parole. La delegazione Usa "si è concentrata sulle preoccupazioni relative alla sicurezza e al terrorismo, su un transito sicuro per i cittadini statunitensi e gli altri cittadini stranieri e i nostri partner afghani, così come sui diritti umani - si legge in una nota - inclusa una partecipazione significativa di donne e ragazze in tutti gli aspetti della società afghana". I talebani hanno affermato che l'incontro con gli Usa "è andato bene" e che gli Usa forniranno aiuti umanitari all'Afghanistan. Il portavoce politico dei talebani Suhail Shaheen ha dichiarato all'Associated Press che il ministro degli esteri ad interim ha assicurato agli Usa che i talebani sono impegnati nel garantire che il paese non verrà utilizzato dagli estremisti per lanciare attacchi contro altri paesi.
Condividi