Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/roma-marco-doria-non-arretro-di-un-centimetro-fb5df235-63f6-401d-b881-227ff4dcb0e5.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Roma

Gli piazzano ordigno sull'auto, Doria: "Non arretro di un centimetro, non mi intimidiscono"

''Sono anni che continuo a denunciare, alla Procura, Carabinieri e alla Polizia di Stato e Digos tutti gli attacchi e le minacce che mi arrivano" dice il presidente del Tavolo per la riqualificazione dei parchi e delle ville storiche della Capitale

Condividi
''Sono anni che continuo a denunciare, alla Procura, Carabinieri e alla Polizia di Stato e Digos tutti gli attacchi e le minacce che mi arrivano. E' importante che si sappia che tutti quelli che mi hanno offeso o minacciato sono stati denunciati e prima o poi un funzionario di Pubblica Sicurezza oppure un Carabiniere andrà a bussare alla loro porta. Io non arretro di un centimetro, non mi intimidiscono per niente. Saranno tutti perseguiti, uno a uno, e non mi fermerò davanti a nulla. Se saranno condannati a pagare devolverò tutto in beneficenza''. Lo scrive su Facebook Marco Doria, presidente del Tavolo per la riqualificazione dei parchi e delle ville storiche di Roma, dopo che ieri qualcuno ha posizionato un ordigno artigianale sulla sua auto parcheggiata in zona Prati.

Gli inquirenti della Procura di Roma stanno indagando sull'ordigno ritrovato sull'auto di Marco Andrea Doria. Secondo quanto si è appreso i pubblici ministeri già stanno svolgendo accertamenti sulle minacce subite in passato da Doria, che è sotto tutela. Quello di ieri, però, è l'atto più grave finora registrato nei suoi confronti tanto che la prefettura ha già innalzato i controlli sulla sua sicurezza. In particolare gli investigatori stanno verificando se le telecamere di videosorveglianza della zona abbiano ripreso elementi utili alle indagini.

Cioffredi: "Solidarietà e vicinanza a Marco Doria"
"Un atto intimidatorio inquietante che colpisce chi si batte con determinazione e generosità per la legalità. Solidarietà e vicinanza a Marco Doria. Un ringraziamento agli artificieri della Questura di Roma per il pronto intervento per disinnescare l'ordigno esplosivo". Lo scrive in una nota Gianpiero Cioffredi, presidente dell'Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio.
Condividi