Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/russia-alexei-navalny-coma-avvelenamento-ospedale-di-Omsk-terapia-intensiva-5350681e-d90a-42a9-9933-917395a80d44.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il caso in Russia

"Nessun veleno nel sangue di Navalny". L'ospedale di Omsk non autorizza il trasferimento in Germania

Per la portavoce dell'oppositore russo il divieto di trasferire Navalny" dall'ospedale di Omsk "rappresenta una minaccia per la sua vita. Nelle sue condizioni, rimanere senza macchinari adeguati e senza una diagnosi e' un pericolo mortale". Di Maio: "Preoccupati, fare chiarezza". L'Ue chiede un'indagine rapida e trasparente. Medici tedeschi lasciano ospedale senza di lui. La moglie: non ci hanno fatto parlare con loro. Chiesto intervento Corte europea diritti umani per il suo trasferimento in un ospedale in Germania

Condividi
"Nessun veleno" è stato rilevato nel sangue di Alexei Navalny, il blogger ed oppositore russo ricoverato in coma ad Omsk, che secondo i suoi sostenitori sarebbe stato avvelenato. Lo afferma Anatoly Kalinichenko,vicedirettore dell'ospedale, citato dai media internazionali. Il medico ha detto che i sanitari hanno già un quadro diagnostico completo su Navalny, ma che non possono ancora divulgarlo.

Lo staff di Navalny: "Vogliono prendere tempo"
Secondo lo staff dello stesso Navalny le autorità russe vogliono tenerlo ancora un paio di giorni in ospedale per  essere sicuri che le possibili tracce di veleno siano scomparse dal  suo sistema.  Un altro rappresentante di Navalny ha aggiunto che in precedenza lo  staff medico aveva detto che tracce di veleno erano state invece  riscontrate nelle analisi fatte.

Medici tedeschi visitano Navalny
I medici tedeschi volati in Russia potranno visitare Alexei Navalny. Lo ha reso noto Leonid Volkov, stretto alleato dell'oppositore russo. I medici tedeschi sono volati nella notte da Norimberga per raggiungere la città siberiana di Omsk dove il blogger è attualmente ricoverato. Ai sanitari "prima è stato impedito l'accesso, poi, pochi minuti fa, è arrivato il via libera", ha detto Volkov in conferenza stampa a Berlino.

Medici tedeschi lasciano ospedale senza di lui. La moglie: non ci hanno fatto parlare con loro
I medici che sono arrivati a Omsk dalla Germania per trasportare Alexei Navalny hanno lasciato l'ospedale di emergenza della città senza di lui. Lo ha riferito Interfax. I medici tedeschi hanno lasciato l'ospedale, sono saliti su un minibus e sono andati via. Navalny non era con loro. La moglie dell'oppositore, Yulia, che è uscita per incontrare i giornalisti, ha detto che la polizia e il personale dell'ospedale di Omsk non hanno permesso a lei e all'avvocato della Fondazione Anti-Corruzione Ivan Zhdanov di parlare con i medici.

Chiesto intervento Corte europea diritti umani per il suo trasferimento in un ospedale in Germania
L'entourage di Alexei Navalny si è rivolto alla Corte europea dei diritti dell'uomo per ottenere dalle autorità russe l'autorizzazione al suo trasferimento in Germania per le cure. "E' stato chiesto alla Corte di invitare il governo russo ad autorizzare il signor Navalny ad essere trasportato in Germania per essere curato", ha riferito una fonte dell'organismo basato a Strasburgo, specificando che il caso "sarà esaminato nei prossimi giorni".
Navalny si trova da ieri in terapia intensiva in un ospedale in Siberia.

No al trasferimento in Germania
Il primario dell'ospedale di Omsk, dove è ricoverato Navalny, "non è pronto ad assumersi la responsabilità" di autorizzare il suo trasferimento, come chiesto dai familiari. Lo ha annunciato su Twitter uno dei collaboratori di Navalny, Ivan Zhdanov, mentre una Ong tedesca ha inviato già un'eliambulanza per portare in Germania l'attivista, in coma da ieri dopo un sospetto avvelenamento. 

"Divieto minaccia per la sua vita"
Il divieto di trasferire Navalny" dall'ospedale di Omsk "rappresenta una minaccia per la sua vita. Nelle sue condizioni, rimanere senza macchinari adeguati e senza una diagnosi è un pericolo mortale". Lo ha denunciato su Twitter la portavoce dell'oppositore russo, Kira Yarmish, dopo la notizia che i medici hanno rifiutato di autorizzare il trasporto di Navalny in una clinica all'estero, come chiesto dalla famiglia e dai suoi collaboratori.

"Ieri il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, aveva promesso aiuto nelle cure e nel trasferimento in un'altra clinica e oggi i medici si rifiutano di dare il permesso", denuncia Yarmish. Le fa eco il braccio destro dell'oppositore, Leonid Volkov: "E' stata presa una decisione politica e non clinica, la vita di Aleksei è in grave pericolo. Tutto ieri abbiamo parlato con decine di dottori e tutti hanno confermato la stessa cosa: stare a bordo di un aereo di soccorso moderno è più sicuro che stare in terapia intensiva ad Omsk, portatelo via il prima possibile". 

La moglie di Navalny si appella a Putin
La moglie di Aleksey Navalny, Yulia, ha rivolto un appello al presidente russo Vladimir Putin, affinché suo marito, ricoverato in coma ad Omsk, venga dimesso e trasferito in Germania. L'appello è stato pubblicato anche sull'account Twitter di Navalny, il principale esponente del fronte anti-Putin in Russia che si è sentito male a bordo di un aereo ieri ed è stato portato in ospedale con il sospetto di un avvelenamento. Sospetto avallato stamattina da fonti della polizia citate dall'entourage dello stesso Navalny, salvo poi essere smentite dai medici che lo hanno in cura, secondo cui tutti i test tossicologici e chimici condotti sino ad ora sono risultati negativi.

"Al momento mio marito Aleksey Anatolevich Navalny si trova nella clinica municipale del pronto soccorso numero 1 della città di Omsk in condizioni gravi. Io ritengo che ad Aleksey Anatolevich Navalny serva assistenza medica qualificata in Germania. Dalle ore 12 del 21 agosto abbiamo tutte le possibilità di trasportarlo tempestivamente sotto il controllo di medici di massimo livello. Mi rivolgo a lei ufficialmente con la richiesta di autorizzare il trasferimento di Aleksey Anatolevich Navalny nella Repubblica federale di Germania", scrive Yulia Navalnaya, convinta che il rifiuto di trasferimento in Germania sia in realtà un espediente per prendere tempo ed attendere che scompaiano dal sangue del marito le tracce del veleno utilizzato. Il Cremlino, tramite il portavoce Dmitri Peskov, ha fatto sapere di ritenere la decisione sul trasferimento di Navalny "di totale competenza dei medici".

Il primario dell'ospedale di Omsk, Aleksandr Murakovski, sostiene che Navalny sia in condizioni ancora troppo instabili per affrontare un viaggio in aereo e ha detto che gli specialisti tedeschi arrivati a Omsk potranno verificare le condizioni di Navalny e prendere visione degli esami effettuati.

Ue chiede indagine rapida e trasparente
La portavoce dell'Unione europea, Nabila Massrali, ha detto che Bruxelles si aspetta "un'indagine rapida, indipendente e trasparente" su ciò che ha causato il malore di Navalny. L'Ue ha esortato le autorità russe a "mantenere la promessa" di consentire all'oppositore di essere trasferito all'estero "in modo sicuro e rapido per ricevere cure mediche in linea con i desideri della sua famiglia".

Di Maio: "Preoccupati, fare chiarezza"
"Siamo molto preoccupati per le condizioni di salute di Alexei Navalny e seguiamo da vicino gli sviluppi. Ci aspettiamo che si faccia rapidamente chiarezza su quanto accaduto", scrive su Twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio:

Condividi