Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/russiagate-cellulari-misfud-nelle-mani-degli-usa-ce9fe225-53b7-47d4-932a-07d0565f9fdb.html | rainews/live/ | true
MONDO

Russiagate, legali Flynn chiedono dati dei cellulari di Mifsud

Il dipartimento di giustizia avrebbe ottenuto i due cellulari dell'accademico maltese che insegnava a Roma dalle autorità italiane

Condividi
I legali di Michael Flynn, ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca implicato nell'inchiesta del Russiagate, hanno chiesto al Dipartimento di giustizia americano i dati dei due BlackBerry di Joseph Mifsud.

Secondo quanto riportano i media americani, il dipartimento di giustizia avrebbe ottenuto i due cellulari di recente dalle autorità italiane. Mifsud, l'accademico maltese che ha insegnato alla Link Campus University di Roma, è al centro della contro-indagine condotta dal ministro della giustizia americano William Barr sull'origine del Russiagate.

Papadopoulos: 'Fbi ha usato Mifsud per spiarmi'
"Capisco perché Mifsud si sia nascosto temendo per la sua vita. L'Fbi lo stava usando e gli forniva i telefoni per spiare me e Flynn e poi in seguito lo hanno bruciato come 'agente russo' nel tentativo di rovesciare il presidente. Questa è la più grossa notizia dell'anno!". Lo scrive in un tweet George Papadopulos, l'ex consulente della campagna presidenziale di Donald Trump. Secondo il rapporto del procuratore speciale Robert Mueller, il professore maltese Joseph Mifsud, all'epoca docente alla Link University, nella primavera del 2016 offrì a Papadopoulos del materiale "sporco" su Hillary Clinton, in possesso del governo russo.
 
La tesi di Papadopoulos, che nell'ambito del Russiagate ha subito una lieve condanna per aver mentito all'Fbi, è che Mifsud sia stato manovrato dall'intelligence Usa, in collaborazione con altri governi amici, tra i quali quello italiano dell'epoca, come 'agente provocatore' per gettare discredito sulla campagna di Trump.
 
Nel suo tweet Papadopoulos fa riferimento anche all'ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn, il primo a cadere nell'inchiesta sul Russiagate. Flynn è riuscito ad evitare il carcere collaborando con l'indagine di Mueller. Tuttavia, ha ora presentato ricorso, denunciando irregolarità nell'indagine. Nelle ultime ore, il legale di Flynn ha ottenuto della documentazione che attesterebbe come due cellulari utilizzati da Mifsud mettano il professore maltese in relazione con l'Fbi.

Conte: nessun timore per relazione Barr 
"Assolutamente no". Giuseppe Conte, intervistato dal Corriere della sera, risponde così alla domanda su eventuali timori per la relazione che il ministro della Giustizia Usa William Barr sta redigendo dopo i suoi incontri in Italia. Il premier sarà ascoltato dal Copasir, a riguardo, la prossima settimana.

Trump su caso Barr: giusto indagare in Italia
"Non conosco i dettagli e non so esattamente di quegli incontri, ma si è cercato di nascondere ciò che si stava facendo in alcuni paesi, tra questi potrebbe esserci l'Italia". Donald Trump non si è fermato neanche durante una visita ufficiale del Presidente Sergio Mattarella negli Stati Uniti e dalla Casa Bianca ha lanciato ieri velate accuse all'Italia, ridando corpo a un dossier delicatissimo che potrebbe coinvolgere il premier Giuseppe Conte. Cche non a caso è rimasto fino ad oggi prudentemente in silenzio assicurando che parlerà della vicenda che coinvolge i vertici dei servizi segreti prima al Copasir, dove è atteso per il 23 ottobre.

L'indagine che il presidente americano ha affidato al suo Ministro della giustizia William Barr sulle elezioni americane del 2016 è "appropriata", ha assicurato lo stesso Trump confermando che presto il rapporto sarà pubblicato. e potrebbe così svelare anche i lati ancora sconosciuti del coté italiano. Cioè cosa accadde la scorsa estate a Roma quando Barr vide per ben due volte, attraverso incontri riservatissimi, i vertici dei servizi segreti italiani alla ricerca di controprove sulle origini del Russiagate riguardo alle elezioni del 2016.

Mentre il presidente Mattarella non è stato interpellato (tra l'altro aveva chiarito nei giorni scorsi di non aver avuto alcuna informativa sul caso), i giornalisti alla Casa Bianca ieri hanno stuzzicato Donald Trump sul tema: "Non conosco il rapporto del Ministro della giustizia William Barr, ma credo che scoprirà molta corruzione", ha spiegato dicendosi convinto che questa corruzione arrivi fino all'ex presidente Barack Obama.

Sul tema è altissima l'attenzione dei media americani che stanno indagando a tutto campo anche al di là degli Stati Uniti. In questa guerra di spie sono finora usciti i nomi di diversi paesi alleati degli Usa, come appunto l'Italia, la Gran Bretagna e l'Australia. Naturalmente fonti dei servizi nei giorni scorsi hanno fatto trapelare come scambi di informazioni tra paesi alleati siano del tutto naturali. Ma la visita di un Ministro della giustizia in incognito in Italia ha destato più di qualche interrogativo e da più parti nei partiti si chiede di avere informazioni sulle procedure seguite e sul livello di autorizzazioni date. Oltre naturalmente di avere informazioni sul fatto se i servizi segreti avessero o meno informazioni rilevanti su un caso internazionale.
Condividi