Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/sale-reddito-famiglie-ma-prezzi-frenano-potere-acquisto-5b688874-5989-43e1-884e-dbebfd088240.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Dati Istat relativi al secondo trimestre dell'anno

Istat, sale il reddito delle famiglie ma i prezzi frenano il potere d'acquisto

La propensione al risparmio è stimata al 12,9%, in flessione di 4,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il deficit italiano si è attestato al 7,6% del Pil, in miglioramento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In riduzione la pressione fiscale che è stata pari al 41,9%

Condividi
Nel secondo trimestre il reddito disponibile delle famiglie e il loro potere d'acquisto hanno segnato "lievi aumenti", mentre "la crescita sostenuta dei consumi finali ha sospinto al ribasso la propensione al risparmio, rimasta tuttavia a livelli superiori a quelli registrati prima della crisi". Lo ha reso noto l'Istituto di Statistica.

Secondo i dati dell'Istat, il reddito disponibile delle famiglie è cresciuto dello 0,5% rispetto al trimestre precedente. La dinamica dei prezzi, +0,4% rispetto al primo trimestre dell'anno il deflatore dei consumi finali delle famiglie, ha frenato l'incremento del potere d'acquisto, aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente.

La propensione al risparmio delle famiglie è stimata al 12,9%, in flessione di 4,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Corrispondentemente, la spesa per consumi finali è aumentata in termini nominali del 5,4%.

Nel secondo trimestre del 2021, a fronte di un aumento degli investimenti fissi lordi del 4% e del già segnalato aumento dello 0,5% del reddito lordo disponibile, il tasso di investimento delle famiglie consumatrici è stato pari al 6,3%, +0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

La pressione fiscale secondo trimestre scende al 41,9%
Nel secondo trimestre del 2021 la pressione fiscale è stata pari al 41,9%, in riduzione di 0,5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, quando era stata del 42,4%,  rende noto l'Istat. Tra aprile e giugno di quest'anno il Pil italiano è aumentato del 2,7% rispetto al primo trimestre e del 17,3% nei confronti del secondo trimestre del 2020.

Deficit/Pil migliora,7,6%
Nel secondo trimestre 2021 il deficit italiano si è attestato al 7,6% del Pil, in miglioramento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente quando era pari al 12,9%. Lo comunica l'Istat spiegando che la diminuzione in termini tendenziali è dovuta alla "consistente riduzione delle uscite", solo in parte compensata da un calo nelle entrate. Complessivamente, nei primi due trimestri del 2021 il deficit è stato pari al 10,2% del Pil, in miglioramento rispetto all'11,8% del corrispondente periodo del 2020.

Il saldo primario delle amministrazioni pubbliche (ovvero l'indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un'incidenza sul Pil del -3,6%, in miglioramento rispetto al -8,7% nel secondo trimestre del 2020. Il saldo corrente è stato anch'esso negativo, con un'incidenza sul Pil del -1,0% (-8,0% nel secondo trimestre del 2020).
Condividi