Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/sanremo2021-le-pagelle-della-seconda-serata-classifica-parziale-ermal-meta-primo-857b0b21-dd51-4634-870b-0692e6d2a1fa.html | rainews/live/ | true
SANREMO

Sanremo 2021

Le classifiche e le pagelle della seconda serata: Ermal Meta in testa

La classifica parziale: Irama 'ripescato' balza al terzo posto, Aiello ultimo. Le canzoni che ci sono piaciute

Condividi
di Sandro Calice  E’ Ermal Meta il momentaneo vincitore di Sanremo 2021, in testa sia nella classifica provvisoria della seconda serata che in quella complessiva e sempre provvisoria delle prime due serate.
 
Questa la classifica sulla base del voto della giuria demoscopica chiamata a esprimersi per i 13 Big che si sono esibiti nella seconda serata.
 
1) ERMAL META - Un milione di cose da dirti
2) IRAMA - La genesi del tuo colore
3) MALIKA AYANE - Ti piaci così
4) LO STATO SOCIALE - Combat Pop
5) WILLIE PEYOTE - Mai dire mai (la locura)
6) GAIA - Cuore Amaro
7) FULMINACCI - Santa Marinella
8) LA RAPPRESENTANTE DI LISTA - Amare
9) EXTRALISCIO con Davide Toffolo - Bianca Luce Nera
10) GIO EVAN - Arnica
11) ORIETTA BERTI - Quando ti sei innamorato
12) RANDOM - Torno a te
13) BUGO - E invece sì
 
Questa invece è la classifica generale dei 26 Big, sempre sulla base del voto della giuria demoscopica.
 
1) ERMAL META - Un milione di cose da dirti
2) ANNALISA - Dieci
3) IRAMA - La genesi del tuo colore
4) MALIKA AYANE - Ti piaci così
5) NOEMI - Glicine
6) FASMA - Parlami
7) FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ - Chiamami per nome
8) LO STATO SOCIALE - Combat Pop
9) WILLIE PEYOTE - Mai dire mai (la locura)
10) FRANCESCO RENGA - Quando trovo te
11) ARISA - Potevi fare di più
12) GAIA - Cuore Amaro
13) FULMINACCI - Santa Marinella
14) LA RAPPRESENTANTE DI LISTA - Amare
15) MANESKIN - Zitti e buoni
16) MAX GAZZE' - Il farmacista
17) COLAPESCE DIMARTINO - Musica leggerissima
18) COMA_COSE - Fiamme negli occhi
19) EXTRALISCIO con Davide Toffolo - Bianca Luce Nera
20) MADAME - Voce
21) GIO EVAN - Arnica
22) ORIETTA BERTI - Quando ti sei innamorato
23) RANDOM - Torno a te
24) BUGO - E invece sì
25) GHEMON - Momento perfetto
26) AIELLO - Ora
 
Le nostre pagelle della seconda serata
 
Orietta Berti. Mettiamola così: di tutti i cantanti che si sono esibiti sul palco dell’Ariston in queste due serate tra quelli che hanno cantato meglio ci sono Orietta Berti e – come ospite - Fausto Leali. “Quando ti sei innamorato” è una canzone del secolo scorso, ma il voto lo diamo al mestiere e alla voglia di mettersi in gioco (6).
 
Bugo. “E invece sì” è una ballata rock con un buon arrangiamento, ma Bugo (lo dice lui stesso) non è un grande cantante. Il voto va all’autore (6).
 
Gaia. “Cuore amaro”, un latin pop sentito cento volte, con una voce che vaga inquieta tra toni fatali ed effetti speciali (5,5).
 
Lo Stato Sociale. “Combat Pop” è un mini-show intelligente e divertente, con echi che vanno dai Clash a Bennato, tra magie e trasformisti. Bravi (7,5).
 
La Rappresentante di Lista. “Amare” si prende il palco con un ritmo serrato e colorato. Che piaccia o no la canzone, alla fine resta una bella energia. E non è poco (7).
 
Malika Ayane. “Ti piaci così” è una cavalcata pop con un ritornello che si fa ricordare. Malika, indubbiamente, conosce il mestiere, ma il risultato è agrodolce (6,5).
 
Ermal Meta. Ecco, “Un milione di cose da dirti” è una canzone d’amore lineare ma raffinata, che parte con un pianoforte e cresce inarrestabile, scritta bene e cantata meglio (8).
 
Extraliscio feat. Davide Toffolo. “Bianca luce nera”, ‘sulla carta’, poteva essere una bomba: un inno alla contaminazione, da Bregovic a Capossela passando per il liscio. Necessita di ulteriori ascolti, ma rischia di rimanere un esercizio di stile (6).
 
Random. “Torno a te” non è una bella canzone, in più lui – che sarebbe anche simpatico – è emozionatissimo: il risultato è quello che è (5,5).
 
Fulminacci. “Santa Marinella” dovrebbe muoversi nel solco del cantautorato romano, una ballad che comincia acustica e poi si apre con l’orchestra. Ma convince poco (6).
 
Willie Peyote. “Mai dire mai (La Locura)”: unico rap tra le canzoni in gara, testo implacabile, si balla e si riflette, e il “mai dire mai” è già tormentone (8).
 
Gio Evan. “Arnica”: canzoncina così così, lui è un personaggio interessante e poliedrico, ma sicuramente quella di cantante non è la migliore delle sue qualità (5,5).
 
Irama. Meno male che hanno trovato il modo di farlo rientrare in gara, perché “La genesi del tuo colore” è un pezzo facile facile che ci ‘tormenterà’ e ci farà ballare un bel po’ (6,5).
 
Tra le Nuove proposte sono passati Wrongonyou con “Lezioni di volo”, trap melodica e raffinata cantata benissimo (7) e Davide Shorty con “Regina”, pezzo fondamentalmente soul interpretato con talento (7).
Condividi