Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/scheda-migranti-testo-dichiarazione-malta-d7ef5785-42f0-4373-9255-5bfb3571a3d5.html | rainews/live/ | true
MONDO

La scheda

Migranti, il testo della 'Dichiarazione di Malta'

Condividi
Nel vertice informale in corso alla Valletta, i 28 leader dell'Unione Europea hanno adottato la dichiarazione di Malta sull'immigrazione. Ecco il testo:  

1) Accogliamo con favore e sosteniamo gli sforzi della presidenza maltese a portare avanti tutti gli elementi della politica migratoria globale dell'Ue. Riaffermiamo la nostra determinazione ad agire nel pieno rispetto dei diritti umani, del diritto internazionale e dei valori europei, e in collaborazione con l'UNHCR e OIM.

2) Un elemento chiave di una politica migratoria sostenibile è quello di garantire un controllo efficace della nostra frontiera esterna e arginare i flussi illegali nell'Ue. Nel 2016, gli arrivi sono scesi a un terzo dei livelli nel 2015. Sulla rotta del Mediterraneo orientale, mentre le pressioni restano, gli arrivi negli ultimi quattro mesi del 2016 sono diminuiti del 98% rispetto all'inizio dell'anno. Confermiamo l'impegno della dichiarazione UE-Turchia e l'attuazione piena e non discriminatoria di tutti i suoi aspetti, nonché di un sostegno costante per i paesi lungo il percorso dei Balcani occidentali.

3) Sulla rotta del Mediterraneo centrale, tuttavia, ci sono stati oltre 181mila arrivi nel 2016, mentre il numero di morti o dispersi in mare ha raggiunto un nuovo record ogni anno dal 2013. Centinaia hanno già perso la vita nel 2017 e la primavera si avvicina, siamo determinati ad adottare ulteriori misure per ridurre in modo significativo i flussi migratori lungo il percorso del Mediterraneo centrale e fermare il business dei trafficanti di esseri umani, rimanendo contemporaneamente vigili sul Mediterraneo orientale, così come su altre vie. Intensificheremo il nostro lavoro con la Libia, che è il principale paese di partenza, così come quello con il Nord Africa e vicini sub-sahariani.

4) Il quadro di partenariato e il piano d'azione Valletta ci hanno permesso di approfondire la cooperazione a lungo termine con molti paesi partner, anche per quanto riguarda le cause all'origine della migrazione, attraverso una solida collaborazione basata sulla fiducia reciproca. Questo lavoro sta già dando risultati e verrà intensificata. Allo stesso tempo, l'urgenza della situazione richiede immediate misure aggiuntive operative a livello regionale, con un approccio pragmatico, flessibile e su misura per ogni e tutti i punti che coinvolga tutti gli attori lungo la rotta migratoria. In questo contesto, accogliamo con favore la comunicazione congiunta della Commissione e dell'Alto Rappresentante 'Migrazione sul percorso centrale del Mediterraneo percorso centrale - i flussi di gestione, salvare vite umane'.

5) Gli sforzi per stabilizzare la Libia sono ora più importanti che mai, e l'Unione europea farà tutto il possibile per contribuire a tale obiettivo. In Libia, il rafforzamento delle capacità è fondamentale per le autorità per  acquisire il controllo delle frontiere terrestri e marittime e per combattere le attività di transito e di contrabbando. L'Unione europea rimane impegnata a una soluzione politica inclusiva nel quadro dell'accordo politico libico e al sostegno della Presidenza del Consiglio e il Governo di Accordo Nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite. Ove possibile l'UE e gli Stati membri intensificheranno la cooperazione e l'assistenza alle comunità regionali e locali libiche e con le organizzazioni internazionali attive nel paese.

6) Sarà data priorità ai seguenti elementi:  
a) formazione, attrezzature e sostegno per la guardia costiera nazionale libica e le altre agenzie competenti. Complementari programmi di formazione dell'Ue devono essere rapidamente intensificate a partire da quelle già intrapresa da Operation Sophia e costruire su quella esperienza. Il finanziamento e la pianificazione per queste attività deve essere sostenibile e prevedibile, anche attraverso la rete Seahorse Mediterraneo;  
b) ulteriori sforzi per interrompere il business dei trafficanti attraverso l'azione operativa rafforzata, nell'ambito di un approccio integrato che coinvolga la Libia e altri paesi sulla rotta e rilevanti partner internazionali, impegnati gli Stati membri, le missioni e operazioni PSDC, l'Europol e il confine europeo e della guardia costiera ;  
c) sostenere, ove possibile, lo sviluppo delle comunità locali in Libia, soprattutto nelle zone costiere e delle frontiere terrestri libiche sulle rotte migratorie, per migliorare la loro situazione socio-economica e migliorare la loro capacità di recupero come comunità di accoglienza;  
d) cercare di garantire adeguate capacità di accoglienza e condizioni in Libia per i migranti, insieme con l'UNHCR e OIM;  
e) sostenere IOM in modo significativo per il potenziamento delle attività di rimpatrio volontario assistito;  
f) migliorare le campagne di informazione e sensibilizzazione rivolte ai migranti in Libia e nei paesi di origine e di transito, in collaborazione con gli attori locali e le organizzazioni internazionali, in particolare per contrastare il modello di business dei contrabbandieri;  
g) contribuire a ridurre la pressione sulle frontiere terrestri della Libia, lavorando sia con le autorità libiche e tutti i vicini della Libia, sia sostenendo i progetti di potenziare la loro capacità di gestione delle frontiere;  
h) tenere traccia dei percorsi alternativi e la possibile diversificazione di attività dei contrabbandieri, attraverso sforzi di cooperazione con i vicini della Libia e nei paesi sotto il quadro di partenariato, con il sostegno degli Stati membri e di tutte le pertinenti agenzie dell'UE e mettendo a disposizione tutti gli strumenti di sorveglianza necessari;  
i) Un sostegno continuo a sforzi e iniziative dei singoli Stati membri direttamente impegnati con la Libia; a tale riguardo, l'UE si compiace ed è pronta a sostenere l'Italia nella sua attuazione del memorandum d'intesa firmato il 2 febbraio 2017 da parte delle autorità italiane e del presidente al-Serraj;  
j) approfondire il dialogo e la cooperazione in materia di migrazione con tutti i paesi confinanti con la Libia, tra cui una migliore cooperazione operativa con gli Stati membri e il confine europeo e della guardia costiera sulla prevenzione e la gestione delle partenze ritorni.

7) Tali obiettivi sono sostenuti dalle risorse necessarie. In linea con il piano d'azione Valletta, l'Unione europea sta rafforzando l'integrazione dei migranti all'interno del suo piano di aiuto pubblico allo sviluppo per l'Africa, che ammonta a 31 miliardi di euro nel periodo di riferimento. Alcune delle azioni di cui sopra possono essere finanziati nell'ambito di progetti già in corso, in particolare i progetti finanziati dal Fondo fiduciario UE per l'Africa a seconda dei casi, che mobilita € 1,8 miliardi dal bilancio dell'UE e € 152.000.000 da contributi degli Stati membri. Per coprire le urgenze ora e per tutto il 2017, accogliamo con favore la decisione della Commissione di mobilitare, come primo passo di un ulteriore 200 milioni di € per il capitolo relativo al Nord Africa del Fondo e di dare priorità ai progetti di migrazione relativi alla  Libia.

8) Svilupperemo ulteriormente la nostra politica migratoria esterna al fine di renderla più resistente per le crisi future. Noi identifichiamo potenziali barriere, ad esempio in relazione alle condizioni da soddisfare per i ritorni, e rafforzare le capacità di rimpatrio dell'UE, nel rispetto del diritto internazionale. Accogliamo con favore l'intenzione della Commissione di presentare rapidamente, come primo passo, un piano d'azione aggiornato sui rimpatri e di fornire una guida per i rimpatri più operativa da parte dell'UE e degli Stati membri e di riammissione più efficaci sulla base dell'esistente.

9) Siamo d'accordo ad agire con determinazione e rapidamente per raggiungere gli obiettivi enunciati nella presente Dichiarazione e invitiamo tutti gli attori a lavorare in tal senso. Accogliamo con favore l'intenzione della Presidenza Maltese, in stretta collaborazione con la Commissione e l'Alto rappresentante, a presentare un piano concreto per l'attuazione al Consiglio il più presto possibile, di portare avanti i lavori e di assicurare uno stretto monitoraggio dei risultati. Il Consiglio europeo esaminerà i progressi compiuti su un approccio globale nelle riunioni di marzo e nel mese di giugno, sulla base di una relazione della Presidenza maltese.
Condividi