Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/scontri-roma-lamorgese-a-question-time-alla-camera-risponde-sulla-gestione-ordine-pubblico-4b120224-2b26-41ef-8b87-b0edac9d6af5.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Stamane al Viminale il Comitato per l'ordine e la sicurezza

Scontri Roma. Lamorgese a Question Time alla Camera risponde sulla gestione dell'ordine pubblico

Il 19 il ministro dell'Interno riferirà alle Camere sugli scontri di Roma, ma anche di Milano. Sarà prima alla Camera, alle ore 14, poi alle 16.30 varcherà le porte dell'emiciclo di Palazzo Madama

Condividi
Non si placano le polemiche dopo gli scontri e l'assalto neofascista alla sede della Cgil di sabato scorso a Roma. Nel pomeriggio (alle 15) la ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, risponde al Question time della Camera a una interrogazione (presentata dal capogruppo di Fratelli d'Italia, Francesco Lollobrigida) sulla gestione dell'ordine pubblico in occasione della manifestazione del 9 ottobre e in ordine allo scioglimento di associazioni sovversive.

Al Viminale intanto si è riunito il Comitato nazionale ordine e sicurezza dopo che questa mattina è arrivata sul tavolo della ministra la relazione del capo della Polizia Giannini sui fatti di sabato pomeriggio. Una riunione strategica - si apprende - per definire le nuove regole di ingaggio che le forze dell’ordine dovranno seguire in vista delle annunciate manifestazioni di protesta dei No Pass ma anche per dare ai prefetti indicazioni puntuali sull’organizzazione dei servizi e sulla protezione degli obiettivi a rischio.

Dopo il question time, l'informativa: il 19 ottobre è la data da cerchiare in rosso sul calendario. Perché la Lamorgese riferirà alle Camere sugli scontri di Roma, ma anche di Milano. Sarà prima alla Camera, alle ore 14, poi alle 16.30 varcherà le porte dell'emiciclo di Palazzo Madama: in entrambi i rami troverà un'opposizione agguerrita, ma soprattutto un pezzo di maggioranza pronta a chiederle conto di quelle mancanze nell'organizzazione della sicurezza pubblica che la Lega le imputa sin dal primo momento.

Il clima è rovente. "Riteniamo gravissimo il fatto che le forze del centrosinistra abbiano avallato che il ministro Lamorgese non venga a informare il Parlamento prima di 10 giorni dai fatti accaduti", tuona il capogruppo di FdI alla Camera, Francesco Lollobrigida. Aggiungendo: "Oggi non sappiamo se in Italia esistono delinquenti, criminali, organizzazioni sovversive che possono impunemente circolare. Fratelli d'Italia aveva chiesto, e il centrodestra tutto ha ribadito, la necessità di conoscere subito se esistono agenti infiltrati o criminali, per garantire la possibilità anche di manifestare legalmente e legittimamente in questa nostra Repubblica".

Ma c'è anche un altro tema a tenere banco nel dibattito politico, quello sullo scioglimento di Forza Nuova. La mozione depositata dal Pd, e firmata da M5S, Iv e Leu, sarà discussa il 20 ottobre sia dall'aula di Montecitorio che da quella del Senato. Ma anche in questo caso la destra insorge. Perché è in arrivo anche un testo unitario di Forza Italia, FdI e Lega, ma (almeno a Palazzo Madama) sarà discussa e votata separatamente. "Questo rende difficile poter arrivare a una condivisione di tutte le forze politiche su un testo - dice il presidente dei senatori di Fratelli d'Italia, Luca Ciriani -. Vedo molta resistenza a trovare un dialogo vero, trovo molto strumentale l'atteggiamento avuto finora". Ci mette il carico da novanta Ignazio La Russa: "Forse il tentativo è quello di creare una frattura all'interno delle forze che appoggiano Draghi".

Ma il premier, da par suo, pur ritenendo "evitabilissime" le domande sull'attualità italiana alla conferenza stampa finale dopo il G20 straordinario sull'Afghanistan, non si sottrae. "La questione" dello scioglimento di Forza nuova "è all'attenzione del governo e dei magistrati. Ci sono delle indagini in corso. Stiamo riflettendo", fa sapere Mario Draghi. Un passaggio che incontra il favore anche del leader M5S, Giuseppe Conte: "Ci sono tutti gli estremi per lo scioglimento di Forza Nuova". E anche la posizione del Movimento è chiarissima: "Continuare a negare l'evidenza, come sta facendo Giorgia Meloni, è semplicemente dannoso per tutta la cittadinanza".

Sabato prossimo, 16 ottobre, i Cinquestelle saranno in piazza, come le altre forze del centrosinistra, al fianco della Cgil e dei sindacati per la manifestazione organizzata per rispondere all'assalto della sede storica di Corso d'Italia. Non aderirà il centrodestra, invece. Anche quello sarà un segno della divisione che attraversa la politica italiana.
 
Condividi